Casa editrice collegata all'Associazione Il Camaleonte di Chieri (TO) che organizza il Premio InediTO-Colline di Torino, tra i più rinomati concorsi letterari nazionali per opere inedite che scopre e pubblica autori emergenti e non

 

 PDF    LISTINO    XLS 

CATALOGO  PDF 

UR 2306
Tramonto di un impero

11/11/2019 — Edward D. Dobrogeanu

  € 15,00   

 

Nel 2306, nei bassifondi dell’impero di Ur, il destino prende per mano Sin David Hamilton, messaggero di volontà divine, e lo guida nel suo cammino. Le speranze di un passato lontano sono ormai svanite nel fumo tossico accumulato nell’atmosfera terrestre. La corruzione dilaga, la popolazione è dominata dall’autorità degli eccelsi che ha piegato la ribellione imponendo la forza del Caso. Ma Sin, il cui nome corrisponde al dio lunare babilonese, ha un unico obiettivo: ergersi nell’alto dei cieli per vedere a ogni costo la sua amata luna, velata dalla materia gassosa che l’umanità ha creato, e così restituire vita alla terra e alle generazioni future riportando l’Ordine. Reggendosi sulla forza di valorosi compagni si sarebbe fatto strada nell’oscurità rinnegando persino i legami di sangue in una lotta fratricida con Shamash, suo gemello e imperatore soggiogato dalla brama di potere di Amaranta. Un’intelligenza artificiale riuscita a mettersi in salvo nella Rete ci trasporta in questa avvincente storia: tra combattimenti feroci, fughe disperate e amori mortali, il dolce crollo di un impero avrebbe accolto la nascita di un nuovo mondo, cambiando le sorti del Fato.

Edward D. Dobrogeanu è nato a Chieri, in provincia di Torino, nel 2001. "UR 2306. Tramonto di un impero" è il suo primo romanzo pubblicato.

Vincitore nel 2017 del premio speciale “InediTO Young” nell’ambito del Premio InediTO - Colline di Torino in collaborazione con Aurora Penne.

ISBN 9788894176087

La Casa sull'Abisso di W
H. Hodgson

07/10/2019 — Piervittorio Formichetti

  € 18,00   

 

"La Casa sull’Abisso" di William Hope Hodgson fu pubblicato nel 1908. Attraverso un vecchio diario manoscritto trovato presso il rudere di una grande casa sul ciglio di un immenso baratro detto l’Abisso, conosciamo un personaggio solitario e le sue esperienze soprannaturali: lo scontro con le forze del Male in aspetto di esseri mostruosi; la discesa nell’abisso della propria interiorità e l’esplorazione dell’abisso, naturale e metafisico, al di sotto della casa; la risalita alla superficie come una rinascita dalle viscere della Madre-Terra; l’ascesa oltre l’Universo conosciuto e oltre la sua vita mortale; l’incontro commovente con l’anima della donna amata nell’aldilà; l’entrata nelle dimensioni metafisiche dell’Inferno e del Paradiso, descritti attraverso visioni caratterizzate da un visionario simbolismo cromatico, geometrico e luminoso. "La Casa sull’Abisso" è quindi più che un racconto puramente horror o fantasy: coinvolge le fondamentali domande della mente umana e le risposte filosofico-religiose sul senso dell’esistenza e sul destino umano. Per tutte queste sue caratteristiche potrebbe essere definito "La Divina Commedia" del XX secolo.

Piervittorio Formichetti (Torino, 1984) è laureato in Scienze dei Beni culturali presso l’Università degli Studi di Torino. Ha collaborato con “Piemonte Mese”. Ha vinto nel 2016 il premio “Città di Arona” sezione Stampa per articoli apparsi su “Conexión” e il premio dell’Associazione Comunità dell’Arca con la monografia inedita Viaggio al centro dell’Uomo. Il pellegrinaggio di Lanza del Vasto in India. Con il saggio La Casa sull’Abisso di W. H. Hodgson: una Divina Commedia del XX secolo si aggiudica nel 2018 il Premio InediTO - Colline di Torino sezione Saggistica. Ha pubblicato Il Dio unico: fonte di violenza o capro espiatorio? sul n. febbraio 2018 di “Lessico di Etica Pubblica”, rivista del CeSPeC di Cuneo. Collabora con la rivista “Antarès” e i blog “Axis Mundi” e “Le Fondamenta”.

Vincitore sezione Saggistica XVII edizione Premio InediTO - Colline di Torino 2018.

ISBN 9788894176070

La mia migliore approssimazione di felicità

15/04/2019 — Luca Hopps

  € 12,00   

 

In questa raccolta di racconti, opera prima di Luca Hopps, leggerai pagine strappate da un diario di un bambino degli anni settanta nell’Italia di mezzo, e poi una storia dalla temporalità discronico caotica di una famiglia Istriana tagliata dalle linee di faglia di foibe e alterne pulizie etniche, a seguire un “a-fresco” esteso della piazza di Jaffa dove si intrecciano storie non comunicanti di ebrei e musulmani. E poi, con una serie di salti di immagine e leggere variazioni di stile deliberatamente disorientanti, la raccolta si chiude con una collezione, rimasticazione autobiografica, di appunti di viaggio reali o dell’anima. Eppure una linea rossa si trova: il mare, la guerra come stato dell’anima, l’amore, il rosso della voluttà, l’infanzia, il racconto in prima persona, il pensiero altro, sono i canoni su cui l’autore divaga.

Luca Hopps, italiano dalle ancestralità slave, è scrittore e/o poeta e si guadagna comunque da vivere come docente universitario di Fisica.

Vincitore sezione Narrativa-Racconto XVII edizione Premio InediTO - Colline di Torino 2018 con il racconto "Parole e Patate" inserito in questa raccolta.

ISBN 9788894176063

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook6

Gli occhi degli orologi

31/10/2018 — Giorgia Spurio

  € 15,00   

 

Anno 2048. Dopo Le Nuove Crociate contro il terrorismo e l’immigrazione, gli Orologi sono rimasti l’unica divinità, il dio del Tempo, lo strumento di controllo dei Governi. Gli alberi cadono come polvere d’argento a causa della contaminazione dall’amianto, la natura è infestata dalle scorie radioattive, il buco dell’ozono si è ingigantito sempre più, la terra è prosciugata. Per le strade non si vedono bambini ma emarginati, gli adolescenti si bucano, le persone sono diventate degli automi e chi si libera sparisce come i desaparecidos, il peccato di essere diventa punibile. In questo mondo post apocalittico Julienne non vuole arrendersi. Lotta contro se stessa nel tentativo di dimenticare la propria famiglia e soprattutto suo padre ridotto dalla Grande Guerra a un alieno, un pupazzo, e nel contempo rivuole la sua infanzia felice. Un pensiero su tutti la ossessiona: diventare madre attraverso la clinica Le Monde, all'apparenza un motel per appuntamenti, dove incontra Frèd. Tra flashback del passato e narrazione presente, il miraggio ricorrente di una via di fuga rappresentata dalle «lucciole verdi» che lampeggiano all’orizzonte, il romanzo distopico di Giorgia Spurio regala momenti di commozione e pura poesia, attraverso una scrittura evocativa, trascinante e potente.

Giorgia Spurio, nata nel 1986 ad Ascoli Piceno, laureata in Lettere, è insegnante e musicista. Fra le sue pubblicazioni le sillogi "Le ninne nanne degli Šar" e "L’orecchio delle dèe", il romanzo "L’inverno in giardino" e il libro per l’infanzia "I Bambini Ciliegio e altre storie".

È stata tra i cinque segnalati del Premio Romance 2013 indetto da I Romanzi Mondadori. Nel 2017 vince il Premio InediTO - Colline di Torino "Gli occhi degli orologi". Nel 2018 è finalista con un suo racconto nel programma «Radio1 Plot Machine», la cui finale si è svolta sul palco Rai al Salone del Libro di Torino.

ISBN 9788894176049

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook3

Doctor Reset

27/06/2017 — Dario Neron

  € 15,00   

 

Alcolizzato, divorziato e fuori forma: Frank Doc è uno psichiatra fallito di mezza età che pratica la terapia più rivoluzionaria e illegale del mondo, grazie a cui riesce a cancellare i singoli ricordi dei suoi pazienti o addirittura la memoria intera. Prigioniero dei suoi vizi, nella sua pateticità di perfetto antieroe, si ritrova sempre nelle situazioni più disastrose e comiche. Risse con impiegati di Fast-food ed eleganti banchieri, inseguimenti, sparatorie e grandi pensate con l’amica prostituta. Finché nella sua esistenza da relitto sociale si presenta, per dimenticare l’amore che non riesce a smettere di provare, la giovane e attraente inquilina del ventisettesimo piano: Francesca. Doc lascia intravedere così il lato sensibile e fragile di un uomo che è stato capace anche lui di amare per davvero. In un crescendo di paralleli fra il suo destino, quello di Francesca e dei folli personaggi che gli ruotano intorno, il lettore viene trasportato per le strade di una città buia e congelata in un inverno post-apocalittico, attraverso grotteschi colpi di scena che preparano lo schianto finale.

Dario Neron nasce a Locarno nel 1987. Scopre la passione per la scrittura all’inizio dei vent’anni, durante gli studi di architettura del paesaggio. "Doctor Reset" è il suo primo romanzo

Vincitore sezione Narrativa-Romanzo XV edizione Premio InediTO - Colline di Torino 2016. Terzo classificato sezione narrativa edita del Premio Nazionale di Poesia e Narrativa "Alda Merini" 2018 di Imola (BO) e vincitore Premio Carver 2018 per la sezione narrativa.

ISBN 9788894176025

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook2

I cavalli delle giostre

20/05/2017 — Antonio Gentile

  € 15,00   

 

Letizia e Lorenzo sono due fratelli, due vite segnate dalle ferite dell’infanzia, da cui tentano in ogni modo di liberarsi, come i cavalli delle giostre di un vecchio luna park abbandonato, dove andavano a giocare da bambini. Vite in bilico, “gocce di pioggia, che si aggrappano al vetro e provano a resistere”, pirati del mare trasformati in delfini dopo un incantesimo che un dio buono gli ha imposto per farli rinascere attraverso la metamorfosi, affinché si prendessero cura di altre anime simili alla loro e le liberassero. Le anime dei loro compagni di viaggio. Quella di Cecilia, una concertista che tenta di incanalare le stravaganti doti musicali di Lorenzo nei rigidi schemi convenzionali del Conservatorio. Quella di Matteo, che immortala la personalità evanescente di Letizia nella nudità di un ritratto che le mostrerà la vera se stessa. Un intreccio di vite e di sensazioni, una storia di contatto e di scontro, di liberazione e salvezza. In questo romanzo, le parole sono strumenti con cui giocare e sperimentare. Sono catarsi, espiazione. Un prisma che scompone colori. Farfalle, stelle, nuvole, lacrime che formano l’arcobaleno, scie di aerei che creano trame nel cielo. Un’opera poetica, evocativa, musicale, delicatamente sognante, capace di scavare con assoluta maestria nell’animo umano. Una fiaba per bambini ormai adulti, da leggere con i cinque sensi.

Antonio Gentile ha 41 anni, vive a Pescara e nella vita fa l’ingegnere. “I cavalli delle giostre” è il suo primo romanzo

Vincitore sezione Narrativa-Romanzo XIII edizione Premio InediTO - Colline di Torino 2013, Premio Mondolibro di Roma, secondo posto al Premio Gaetano Cingari e finalista ai premi "La Pania" ed "Edizione straordinaria". A seguito della prima pubblicazione con Anordest, nel 2014 ha vinto il prestigioso Premio Carver per la narrativa

ISBN 9788894176018

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook7

L'anello mancante
E i giovani spiriti del Cinema Statuto salvati da Gustavo Rol

13/05/2016 — Saida El Gtay, Nicolò Angellaro

  € 15,00   

 

Finzione e realtà, coraggio, bramosìa del potere, ma anche amore e odio, si mescolano sapientemente in questo romanzo dall'intreccio a tratti paradossale e dal ritmo incalzante. La bellezza della Torino magica, ammaliante, fa da sfondo alla storia che vede i due giovani protagonisti coinvolti in una vera lotta tra le forze esoteriche della città legate al mondo dell'occulto. Il bene e il male si contendono un anello appartenuto al mistico Gustavo Adolfo Rol che racchiude un oscuro segreto, in attesa della "Grande Notte" in cui si decideranno le sorti del mondo. Riusciranno Indira e Tommaso a salvarsi?

Saida El Gtay nasce il 23 gennaio 1990 in Marocco, per arrivare poi in Italia a tre anni. Si trasferisce a Torino per iscriversi all'Università e frequenta il corso in Beni Culturali. La sua passione per la scrittura nasce a quindici anni dopo aver finito in una notte un romanzo di Anne Rice. Inizia con lo scrivere poesia, la sua più grande passione. Pochi anni dopo si cimenta con i racconti, e uno di questi "Nadia" viene trasformato in un corto nell'ambito della rassegna scolastica che tratta dell'immigrazione di seconda generazione.nel 2016 vince la II edizione del concorso “Il colore delle donne” con il racconto "Trasparenze" con cui è selezionata per la raccolta “Lingua Madre”.

Vincitori sezione Narrativa-Romanzo XIV edizione Premio InediTO - Colline di Torino 2015

ISBN 9788894176001

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook8