Edizioni Grenelle è una giovane casa editrice innamorata della letteratura, delle scienze umane, dell'arte. Pubblica libri fuori dall'ordinario, mescolando generi e saperi alla ricerca di un dialogo inedito. Il loro catalogo è un piccolo archivio di stranezze: classici della filosofia, grande poesia, narrativa immaginifica e molto altro ancora.

 

 PDF    LISTINO    XLS 

CATALOGO  PDF 

Key West e altre poesie

31/10/2017 — Hart Crane

  € 17,00   

 

Sotto il cielo dei Caraibi Hart Crane, poeta che come pochi ha saputo utilizzare le parole per spezzare le convenzioni del codice linguistico, compone una delle sue raccolte più riuscite "Key West". Una dimensione privilegiata per la creazione poetica, quella caraibica, che con le sue meravigliose e terribili forze naturali offre il terreno più propizio per il folto e profondo simbolismo poetico di Crane. La natura come ponte per la trascendenza, come via di fuga verso l'interiorità; la frontiera oceanica come luogo di proiezione per i fantasmi e le ossessioni di una vita, in cui si riflette l'umanità intera, diventa il campo ideale per mettere in versi tutta la sofferenza e l'arte del poeta nato a Garrettsville (Ohio).

Hart Crane (1899-1932) è un poeta misterioso e profondo, inventore di una lingua segreta, che con ardite metafore rimescola le carte del mondo, degli affetti, del destino. Considerato, al pari di Emerson, Whitman, Dickinson e T. S. Eliot, tra i più grandi poeti americani, Crane ha lasciato una traccia durevole in autori come Dylan Thomas, Sylvia Plath e Robert Lowell tra gli altri.

ISBN 9788899370268

De occulta philosophia
Libro II

31/10/2017 — Agrippa von Nettesheim

  € 18,00   

 

La nuova traduzione del I libro del De occulta philosophia, con l’ampia introduzione che la precede, la biografia dell’autore e una precisa contestualizzazione storica, unite ad un apparato iconografico che ne illustra lo spirito, non vuole essere il tentativo di recuperare un “mago” del Rinascimento europeo in un’ottica meramente esoterica e occultistica – come si è voluto presentarlo sino ad oggi – ma semmai intende offrire una lettura nuova, in grado di far dialogare ancora quest'opera col presente. Un simile “gesto” filosofico di attualizzazione è motivato infatti dalla necessità di riappropriarsi di una modalità conoscitiva in parte dimenticata, in grado però di ricevere nuovo e inaspettato impulso dai problemi e dalle intensità contemporanee.

Enrico Cornelio Agrippa von Nettesheim (1486-1535) fu un filosofo della natura di area tedesca, come Niccolò Cusano, Reuchlin, Giovanni Tritemio, vissuto molti anni anche in Italia dove conobbe l’opera dei grandi umanisti e, in special modo, di Pico della Mirandola. Fu un grande interprete della crisi epocale che scosse l’Occidente nel passaggio dal Medioevo all’Età moderna. Personaggio scomodo, sempre in lotta contro la cecità delle istituzioni, per la sua vita avventurosa e la sua fama di mago ispirò poeti e scrittori di ogni epoca, da Rabelais a Marlowe, che ne fece il precursore di Faust, da Shakespeare a Goethe, da Brjusov a Yourcenar.

ISBN 9788899370275

Catarsi

30/09/2017 — Gianluca Garelli, Gilberto Camilla, Simona Bertozzi, Antonio Rezza e Flavia Mastrella

  € 15,00   

 

Sentimento cardine della tragedia, orizzonte metafisico dell’arte, sfondo di liberazione dei corpi, la catarsi rappresenta tutto questo e molto di più. Concetto consegnato alla frammentarietà di una difficile definizione, sospesa tra fisiologia e cognitivismo, l’idea di una “purificazione scenica” rimanda a una concezione olistica dove sentimento e conoscenza, carne e logos si influenzano a vicenda. Cos’è dunque la catarsi, nell’arte e nella vita? Quale sacrificio è richiesto agli uomini, da cosa ci si deve liberare e a quale purificazione si può aspirare? Tra arti sceniche e stati modificati di coscienza, tra scrittura del corpo e voce d’attore questo volume orchestra un dialogo inedito che coinvolge filosofi e performer teatrali, coreografi e psicoterapeuti in una prospettica unica, sincretica e differenziale.

Gianluca Garelli. ha studiato a Torino, Bologna, Heidelberg e Berlino; dal 2005 insegna presso l'Università di Firenze. ha dedicato i propri lavori in particolare alla filosofia classica tedesca (Kant, Hegel) e alla sua ricezione nel pensiero contemporaneo; alla storia dell'estetica; all'ermeneutica filosofica e alla teoria del tragico. Gilberto Camilla. storico, ricercatore e psicoanalista, ha esercitato la professione di psicoterapeuta sino al 1992 in qualità di membro permanente della Società italiana di psicoanalisi caratteriale e membro aggiunto della Società psicoanalitica ungherese Sandor Ferenczi. tra i fondatori della SISSC, ne è attualmente il presidente oltre che e direttore scientifico della rivista «Altrove». Simona Bertozzi. coreografa, danzatrice e performer. ha collaborato con compagnie italiane e internazionali (Tòmas Aragay, Virgilio Sieni, Fortebraccio teatro, tra gli altri). è fondatrice della compagnia Nexus con la quale porta avanti da anni importanti progetti nell’ambito della danza contemporanea. Antonio Rezza è impegnato dalla seconda metà degli anni sessanta nel dissipare l’energia che si accumula nel suo corpo disumano. dal 1987 insieme a Flavia Mastrella, ha rivolto lo sguardo al teatro, al cinema, alla letteratura. ancora non si è girato. Flavia Mastrella, si occupa di comunicazione e sconfinamenti attraverso varie norme (tecniche) figurative. ritiene ogni cosa una materia da comporre in equilibrio, scopre il concetto dell’habitat, inteso come spazio incisivo. dal 1988 ha diviso l’impeto, e le opere, con Antonio Rezza; insieme sono attivi nel teatro e nel cinema.

ISBN 9788899370237

Il mistero di Deep Lake

30/09/2017 — Carolyn Wells

  € 18,00   

 

Ambientato nella natura selvaggia del Wisconsin, tra baie inaccessibili e boschi tenebrosi, Il mistero di Deep Lake si impone nell’ambito dello standard poliziesco per una serie di tratti atipici e stranianti. Sulle acque oscure di un misterioso lago, solcate dal lento trascorrere delle imbarcazioni, il territorio del romanzo diventa un campo da gioco per destini individuali, dove intrighi familiari e segreti inconfessabili trasformano una morte ordinaria in un efferato omicidio. Attraversando la superficie delle cose per affondare nelle profondità della psiche la vicenda perviene, non senza colpi di scena e un ironico distacco dai cliché del genere, a un finale imprevisto. Tutto sembra procedere in maniera anomala: insolito il delitto, impensabile l’assassino, inedita la linea di conduzione dell’indagine con cui l’autrice, Carolyn Wells, dimostra come la soluzione di un mistero e la scoperta degli insondabili gorghi dell’esistenza spesso si raggiungano tramite il concorso di forze che non rispondono alla logica classica.

Carolyn Wells (1862, Rahway, New Jersey – 1942, New York). Autrice eclettica e prolifica, grande collezionista di libri – possedeva la più completa selezione di opere di Walt Whitman. Affetta in giovane età da sordità, intrattenne da subito con la parola scritta un rapporto speciale, facendone lo strumento primo di mediazione col mondo. Terminati gli studi trovò lavoro nel suo paese natale come bibliotecaria. Sposò Hadwin Houghton, erede dell’impero editoriale Houghton-Mifflin. Scrisse un numero davvero notevole (più di 170) tra romanzi del mistero, poesie (con una speciale predilezione per il limerick), libri per bambini e umoristici.

ISBN 9788899370251

Feticcio

15/07/2017 — Maurizio Balsamo, Marcello Faletra, Giovanni Pizza, Karl Marx

  € 17,00   

 

Cos’è un feticcio e come riesce un oggetto di uso comune a diventarlo? Quale trasmutazione si attua dinanzi alle cose facendole diventare strumenti di culto? Cosa si cela dietro questa venerazione e perché essa può diventare una chiave di comprensione del nostro mondo? Questo volume analizza l’ambiguo statuto che governa la nozione di feticismo all’interno degli itinerari di indagine delle più diverse discipline. Partendo da una celebre riflessione di Karl Marx, posta al termine del primo libro de Il Capitale, dal titolo Il carattere di feticcio della merce e il suo arcano, si innesca un dialogo volto a rilevare le emergenze contemporanee del concetto e animato dai contributi dell’antropologo Giovanni Pizza, dello psicoanalista Maurizio Balsamo e dell’artista e critico d’arte Marcello Faletra.

Karl Marx (Treviri, 1818 – Londra, 1883). Filosofo tedesco tra i più influenti del Novecento è stato anche economista, storico e sociologo. Il suo pensiero critico ha originato la corrente socio-politica del marxismo e influito decisamente sulla nascita delle ideologie socialiste e comuniste. Maurizio Balsamo, psicoanalista, insegna all’Université Paris–Diderot, dirige la rivista Psiche. Marcello Faletra, pittore, insegna all’Accademia di Belle Arti di Palermo. Giovanni Pizza insegna antropologia all’Università di Perugia.

ISBN 9788899370213

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook3

Locus Solus

16/04/2017 — Raymond Roussel

  € 18,00   

 

Un grande classico dimenticato, che ispirò i surrealisti, gli autori del Nouveau Roman e il gruppo OuLiPo. Un testo incredibile, un romanzo unico nella storia della letteratura universale, il cui protagonista è il linguaggio stesso, inteso come inesauribile struttura in movimento, come organismo votato a dare forma ad ogni possibile pensiero.

Eccentrico e dandy di professione, padre spirituale della Patafisica, della letteratura potenziale e di quella combinatoria, Roussel condusse una vita solitaria, costellata di viaggi ed esperienze ricercate. Tormentato dalla propria interiorità, in conflitto perenne col mondo “di fuori”, coltivò un'unica passione: la letteratura. Fu trovato morto, forse suicida, il 14 luglio 1933 in una camera del Grand Hôtel des Palmes a Palermo.

ISBN 9788899370039

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook7

Noia

02/04/2017 — Otto Fenichel

  € 15,00   

 

Al concetto di “Noia” è dedicata la prima uscita della collana "Sproni", con un saggio inedito in italiano di Otto Fenichel dal titolo "Zur Psychologye der Langeweile” e gli interventi di Sergio Benvenuto, Bruno Moroncini e Giovanni Pizza. Sproni è un nuovo lessico contemporaneo, una piccola archeologia dei saperi che coltiva la disseminazione del pensiero. Un dialogo a più voci fra filosofi, antropologi, psicoanalisti, artisti guidato da uno spirito non enciclopedico, dalla consapevolezza di non poter definire mai completamente il campo del concetto.

Otto Fenichel (1897-1946) è stato un'importante psicoanalista della cosiddetta "seconda generazione". Sergio Benvenuto è psicoanalista, filosofo e scrittore italiano. Bruno Moroncini insegna Filosofia morale presso l’Università degli Studi di Salerno. Giovanni Pizza insegna antropologia all’Università di Perugia.

ISBN 9788899370114

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook2

Racconti scelti

26/03/2017 — Thomas Hardy

  € 14,00   

 

I racconti qui proposti, in un linguaggio asciutto e con tecniche narrative quasi cinematografiche, mostrano tutte le caratteristiche originali, vitali e umanamente contraddittorie, di uno dei più importanti scrittori inglesi di sempre. Thomas Hardy, profondamente immerso nelle tradizioni e nell’eredità fiabesca della sua terra, fu l’indiscusso cantore del Dorset, il mitico Wessex della fantasia. Quella che in queste storie potrebbe apparire come la tranquilla epopea di un villaggio rurale, fatta di vicende esilaranti e misteriose, di amori dolci e impossibili, diventa il territorio magico e arcano su cui si muovono personaggi eternamente sospinti a esorcizzare la morte e il fato evocando la potenza dell’amore e della fantasia creatrice.

Thomas Hardy (Higher Bockampton, 1840 – Dorchester, 1928), fu uno dei maggiori interpreti degli sconvolgimenti sociali e umani provocati dall’industrializzazione nell’Inghilterra vittoriana. Uomo di grande cultura, profondo conoscitore dell’opera di Darwin, ma anche di Bergson e Marx, Hardy tentò di conciliare le ragioni della scienza e quelle degli affetti e fece del rapporto individuo-società uno dei temi dominanti della sua poetica. Autore di racconti e romanzi ("Wessex Tales", "Life’s Little Ironies", "The Return of the Native", "Tess of the d’Urbervilles", "Jude the Obscure"), poesie ("Wessex Poems") e drammi teatrali ("The Dynasts"), Hardy è lo scrittore che meglio di altri ha saputo esprimere le contraddizioni e il senso disperato di desolazione della sua epoca in un linguaggio fatto di discontinuità, come la realtà che racconta.

ISBN 9788899370107

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook6

Racconti dello spazio e del tempo

19/03/2017 — Herbert G. Wells

  € 14,00   

 

Apparso all’alba del secolo ventesimo, Tales of space and time è un testo fondativo della science fiction. I racconti che compongono quest'opera di Wells, godibilissimi e avvincenti, per certi versi perturbanti, rivelano il valore profetico di un genere letterario divenuto ormai una moderna forma di mito. I Racconti dello spazio e del tempo di H.G. Wells, riproposti in una nuova e importante traduzione, esplorano tutta la gamma delle possibilità narrative fantascientifiche: dalla scoperta di oggetti magici, capaci di aprire porte verso universi sconosciuti, alla visione del disastro planetario, al viaggio nel passato, all’inquietante distopia di un mondo futuribile segnato da ipertecnologismo e forti sperequazioni sociali, fino al sogno, tutto umano, di un'onnipotenza terribile e insieme ridicola. Si tratta, insomma, di storie dal trascinante sapore etico, scritte per interrogarsi sul senso del tempo e dell’agire degli uomini, domande poste da Wells al suo secolo ma anche, oggi, a tutti noi.

H.G. WELLS (Bromley 1866 – Londra 1946) Scrittore britannico tra i più popolari della sua epoca, profondo conoscitore delle scienze (fu allievo di Thomas H. Huxley), fu inventore, insieme a Jules Verne, del romanzo scientifico e precursore della moderna fantascienza. Membro della Fabian Society dal 1903, elaborò una interpretazione personale del socialismo fabiano e fu convinto sostenitore del pacifismo come unica alternativa al ritorno della barbarie. Nelle sue opere si fondono magistralmente critica sociale e lucida analisi delle derive ideologiche derivanti dall’uso spregiudicato delle conquiste scientifiche. Tra le maggiori opere di fantascienza ricordiamo: "The Time Machine" (1895), "The Invisible Man" (1896), "The Island of Dr. Moreau" (1897).

ISBN 9788899370091

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook3

Un figlio al fronte

20/12/2016 — Edith Wharton

  € 18,00   

 

Mentre incombe la Grande Guerra, in una Parigi danzantesull’orlo dell’abisso, si intessono le vicende di un grandepittore e di suo figlio. John Campton, artista tormentato edegocentrico mattatore, immortala i disvalori dellaborghesia europea al collasso. La grande rivoluzione dellaguerra lo guiderà in una terribile esplorazione personale;irrigidito negli stessi schemi e rituali sociali che avevasempre canzonato, si scoprirà capace di cambiaredecisamente segno alla propria vita.

Figlia della grande aristocrazia newyorchese del denaro, nonfrequentò mai scuole studiando da autodidatta i grandi autoridel passato. Sposò un ricco banchiere, ma lo lasciò prestoper abbracciare l’Europa e la letteratura. In Francia divenneamica, confidente e “allieva” di Henry James che ne spronò lavocazione di scrittrice. Impegnata durante la guerra in favoredegli ultimi, sempre pronta con le sue parole a scardinareil sistema delle convenzioni sociali, fu autrice di alcune dellepiù entusiasmanti pagine della letteratura americana.

Traduzione di Pietro Pascarelli Introduzione di Barnaba Maj

ISBN 9788899370084

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook1

Ettore Ciccotti
Sud e politica tra realismo e utopia

30/09/2016 — Giuseppe Pascarelli, Giuseppe Campanelli

  € 20,00   

 

Le attuali condizioni del Mezzogiorno, nella crisi drammatica che investe più in generale il nostro Paese, conferiscono attualità e interesse a questo saggio dedicato alla straordinaria, atipica, e forse trascurata personalità di Ettore Ciccotti. Allo storico e politico lucano (Potenza, 1863 - Roma, 1939) gli autori hanno voluto ridare voce sottolineandone il carattere di eccezionale interprete della storia e della politica nazionale, delle emergenze e dei bisogni della sua terra d'origine - sempre vista in un'ottica non meramente localistica. La ricerca realizzata in questo libro, che si avvale di fondati metodi storiografici e si apre agli apporti delle altre scienze umane, intende riaccendere un dibattito tragicamente sopito e riproporre una riflessione sul tema del rapporto tra ragione e rivoluzione, tra riformismo e radicale trasformazione della società, tra utopismo e realismo.

Giuseppe Pascarelli è nato nel 1948 ad Armento. Laureato in Filosofia presso l’Università Federico II di Napoli è stato docente di italiano e storia nelle scuole superiori. // Giuseppe Campanelli è nato nel 1965 a Bari. Laureato in Teoria e Filosofia della Comunicazione presso l’Università della Basilicata è giornalista pubblicista.

Prefazione di Salvatore Lardino

ISBN 9788899370022

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook2

Dark laughter

19/09/2016 — Sherwood Anderson

  € 18,00   

 

Dark Laughter è una piccola Odissea moderna. Le pianure del Middle West, i grandi fiumi, fanno da sfondo alle vicende del protagonista, John Stockton, un uomo in fuga dalle convenzioni sociali e alla ricerca di un nuovo sé. In un mondo sospeso tra reale e possibile, tra presente e infanzia, tra biografia e storia, si agita una costellazione di personaggi irrisolti, di figure simboliche. La tensione espressiva del linguaggio, il bisogno di una maggiore aderenza alla vita, l’urgenza di amare, di risolvere il mito dell’infanzia e di dare, infine, un senso al proprio esistere, sono alcuni dei temi che percorrono un romanzo fatto di grande intensità, scritto con un linguaggio moderno, asciutto ed essenziale.

Sherwood Anderson (Camden, Ohio, 1876 – Colón, Panamá, 1941). Grande padre della narrativa americana, epico cantore del Middle West, di quella provincia americana di cui si è nutrita l’ispirazione di grandi scrittori di ieri e di oggi, fu maestro indiscusso di Hemingway, Faulkner e Steinbeck. Conobbe la povertà in gioventù, collezionando tanti lavori da guadagnarsi il soprannome “Jobby”. Inquieto e affamato di vita – con quattro matrimoni alle spalle – nei suoi romanzi e racconti narrò il sogno americano, i grandi spazi, le città opprimenti, le anime allo sbando. Nel suo salotto si riunivano i maggiori esponenti del modernismo americano; tanti gli scrittori che piansero sul suo epitaffio: «La vita, non la morte, è l’avventura più grande».

Traduzione e Introduzione di Giuseppe Pascarelli

ISBN 9788899370060

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook3

Segreti d'artista

01/08/2016 — Henry James

  € 14,00   

 

Qual è il segreto insegnamento di un’opera d’arte?Quale forza guida la creazione e traccia il destino di un artista?Henry James, nei tre racconti che proponiamo, cerca di rispondere a queste fondamentali domande estetiche rivelando i segreti legami che avvicinano pittura e letteratura e ne fanno una sola grande arte.In un gioco labirintico di enigmatici rimandi, perfettamente aderenti al contenuto narrativo e mai astrattamente proposti, si disegna un territorio problematico in cui il lettore è chiamato a scegliere, di volta in volta, il sentiero in cui avventurarsi. È ancora possibile rincorrere la perfezione espressiva, ispirata ad un valore codificato di “bello”, col rischio di portare a un continuo differimento, ad una frustrante inazione? Qual è il rapporto tra l’energia creativa (la genialità) e le limitazioni della materia, del medium espressivo? Cosa resta, oggi, della pretesa di essere sempre all’altezza del testo, di saperne completamente carpire il prezioso segreto?

Henry James (New York, 1843 – Londra, 1916), esponente di una agiata famiglia della borghesia intellettuale americana (suo fratello era il celebre filosofo e psicologo William James), fu erede della grande arte narrativa di Hawthorne e Balzac, e insieme sperimentatore di nuove forme che anticiparono e influenzarono i grandi romanzi del Novecento. Tra i classici di questo autore, particolarmente prolifico, ricordiamo Ritratto di signora (1881) e Gli ambasciatori (1903). La sua capacità introspettiva e il suo stile raffinati lo hanno reso un modello letterario inarrivabile, anche per scrittori successivi e distanti da lui come Sherwood Anderson e Ernest Hemingway.

Introduzione di Simone Francescato Traduzione e postfazione di Pietro Pascarelli

ISBN 9788899370077

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook5

White buildings

01/07/2016 — Hart Crane

  € 14,00   

 

A distanza di cinquant’anni dalla dalla prima edizione italiana, presentiamo una nuova traduzione di Edifici Bianchi (White Buildings) di Hart Crane, raccolta di forte tensione lirica in cui la poesia americana del Novecento raggiunge una delle sue vette più elevate. Animata da metafore iperdense, improvvise illuminazioni e da un sistema di riferimenti di straordinaria ricchezza e complessità, la poesia di Hart Crane fonde tecniche compositive e visioni del mondo: dallo gnosticismo al romanticismo, da Blake, a Marlowe, a Coleridge, a Rimbaud, a Emerson, a Whitman. Albe e fiumi, uomini e divinità, e gli edifici bianchi, il progresso e il futuro al termine di una notte in cui si agitano l’istinto primordiale, lo spettro e lo spirito di New York con le sue poderose avveniristiche impalcature d’acciaio, simbolo del mondo e dell’uomo nuovo.

Hart Crane (1899-1932) è un poeta misterioso e profondo, inventore di una lingua segreta, che con ardite metafore rimescola le carte del mondo, degli affetti, del destino. Considerato, al pari di Emerson, Whitman, Dickinson e T. S. Eliot, tra i più grandi poeti americani, Crane ha lasciato una traccia durevole in autori come Dylan Thomas, Sylvia Plath e Robert Lowell tra gli altri. A cinquant’anni dalla prima edizione italiana, White Buildings esce ora in una nuova traduzione, corredata da un originale apparato introduttivo e critico.

Traduzione e Introduzione di Pietro PascarelliPress review: "Libri inattesi di Edizioni Grenelle" - Maurizio Inchingoli su Il Mattino del 09.02.2017;"Lo scaffale di Poesia" - Massimo Bacigalupo su «Poesia» n. 322 Gennaio 2017;"L'Orfeo Usa che si tolse la giacca prima di suicidarsi" - Davide Brullo su Il Giornale del 17.01.2017;"Baci tremuli fra i bianchi fiocchi cadenti" - di Massimo Bacigalupo, su il Manifesto del 20.11.2016;"I libri del pen" - Massimo Bacigalupo sulla rivista P.E.N. n. 36 del 2016

ISBN 9788899370046

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook6

De occulta philosophia
Libro I

01/01/2016 — Agrippa von Nettesheim

  € 18,00   

 

La nuova traduzione del I libro del De occulta philosophia, con l’ampia introduzione che la precede, la biografia dell’autore e una precisa contestualizzazione storica, unite ad un apparato iconografico che ne illustra lo spirito, non vuole essere il tentativo di recuperare un “mago” del Rinascimento europeo in un’ottica meramente esoterica e occultistica – come si è voluto presentarlo sino ad oggi – ma semmai intende offrire una lettura nuova, in grado di far dialogare ancora quest'opera col presente. Un simile “gesto” filosofico di attualizzazione è motivato infatti dalla necessità di riappropriarsi di una modalità conoscitiva in parte dimenticata, in grado però di ricevere nuovo e inaspettato impulso dai problemi e dalle intensità contemporanee.

Enrico Cornelio Agrippa von Nettesheim (1486-1535) fu un filosofo della natura di area tedesca, come Niccolò Cusano, Reuchlin, Giovanni Tritemio, vissuto molti anni anche in Italia dove conobbe l’opera dei grandi umanisti e, in special modo, di Pico della Mirandola. Fu un grande interprete della crisi epocale che scosse l’Occidente nel passaggio dal Medioevo all’Età moderna. Personaggio scomodo, sempre in lotta contro la cecità delle istituzioni, per la sua vita avventurosa e la sua fama di mago ispirò poeti e scrittori di ogni epoca, da Rabelais a Marlowe, che ne fece il precursore di Faust, da Shakespeare a Goethe, da Brjusov a Yourcenar.

Curatore e traduttore Giuseppe Pascarelli.

ISBN 9788899370015

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook4