Manifesto del Cenacolo di Ares Viviamo in una societ├á liquida. La nostra societ├á viene definita Postmoderna, a significare un vero e proprio passaggio di epoca. I pi├╣ grandi pensatori contemporanei sono ormai profondamente coscienti che l?era iniziata nel 1492 sia ormai al capolinea. Da Baumann a Gorz, da Vattimo a Galimberti, pare chiaro che, a prescindere dalle analisi particolari, una stagione pi├╣ complessa, articolata, multifunzionale ha preso vita. Siamo nell'era del dopo, ma ancora non riusciamo a definire il nostro presente come tale, se non in riferimento a un superamento del passato, a una diversit├á da esso. Siamo postmoderni, postdemocratici, postclassici. L?analisi del mondo, la classificazione di esso, il darwinismo spinto, ci ha condotto a fissare un momento, dove tutto ├Ę in funzione di ci├▓ che ├Ę stato e non ├Ę pi├╣. ├ł la societ├á della negazione, un nuovo medioevo oscurantista, dove il lume della ragione e del metodo scientifico ha talmente illuminato, da accecare lo spirito umano lasciandolo in balia del controllo della tecnica, del perch├ę coatto. Dove l?arte non ├Ę pi├╣ fatto ma semplice copertina dei fatti, scambiabile e interscambiabile a piacimento. La societ├á tutta, ma non solo, persino le nostre categorie gnoseologiche che individuano e conoscono il mondo, la terra, la natura, hanno perso ogni punto di riferimento fondante, e hanno assunto la caratteristica di fiumi in piena, di onde instabili, di fontane ove ogni singola goccia arriva e se ne va alla velocit├á di un secondo. In questo l?artista ha scelto sempre pi├╣ la strada ovvia, meschina, vile, della solitudine interiore ed esteriore, assecondando il fenomeno pi├╣ generale dell?individualizzazione. Un fenomeno in cui ognuno di noi si trova sempre pi├╣ solo con sempre pi├╣ nozioni a disposizione. Come se fosse nel deserto, senza alcun modo di orientarsi, ma con centinaia di guide turistiche a tracollo, inutile e sfarzoso peso. In questo modo ogni sforzo di cambiamento e stimolo, ogni genio innovativo, stimolato e stimolante, viene disperso nel gorgo del di tutto un po?, come se si combattesse una guerra non schierati in truppe, ma singolarmente, uno alla volta. Possiamo essere anche milioni, ma verremo uccisi e con noi morir├á l?arte e la sua funzione primaria di pedagogia della bellezza. Al giorno d'oggi la gente pensa che prendere in mano una penna, un pennello, una matita, una chitarra, una macchina fotografica e conoscere una tecnica sia di per s├ę produrre arte. Ma la tecnica non d├á mai senso alle cose che produce. ├ł un perch├ę delle cose, ma non il suo senso. Il senso e non la tecnica ├Ę ci├▓ che produce arte, e le persone a cui appartiene un senso, sono davvero poche. Nel contesto che abbiamo descritto nasce questo manifesto. Noi siamo un cenacolo di artisti, letterati, fotografi, musicisti che si uniscono nella resistenza, per la difesa dell?immortalit├á dell?anima della bellezza. Noi combattiamo il tentativo di rendere l?arte mortale perpetrato attraverso il congelamento in tecnica della fonte della bellezza e della creativit├á. Noi combattiamo la societ├á della felicit├á permanente, dove nessuno pu├▓ non essere felice, ma tutti sono tristi. Noi combattiamo per la difesa del valore del dolore, perch├ę nelle mani insanguinate si trova il segno del lavoro, di chi scava la terra sporcandosi di fango, alla ricerca di tesori profondi. Noi combattiamo per la difesa del contrasto e del paradosso, convinti che nella contraddizione dell?essere si trovi il canale che conduce alla verit├á. Noi siamo iperrealisti delle possibilit├á. Il realismo del secolo scorso e del dopoguerra si basavano sull'indagine delle strutture sociali. Oggi quelle strutture sono liquide e mutano velocemente. Tutto ├Ę possibile e contemporaneo. Noi siamo realisti del multiverso per questo. Non indaghiamo le strutture, ma le loro possibilit├á pi├╣ estreme, mettendo in risalto tutta la pericolosit├á, i rischi, i danni, della liquidit├á. Noi siamo amanti della guerra dei sensi, intesa come ferma autenticit├á davanti al trasformarsi delle cose, che si scontrano modellandosi e modellandoci in modo naturale e dialettico, in modo violento e dolce, come una falesia esposta al mare, fondendosi senza mai confondersi. Noi siamo per il sovvertimento dell?ordine, per la liberazione del genio, aggiogato oggi alla tecnica, per la restaurazione del dominio del genio sulla tecnica. Noi combattiamo ogni classicismo decontestualizzato, siamo in estremo contatto con la realt├á, le nostre forme sono mobili, le nostre radici salde, siamo tamerici che assecondano il vento senza mai cedervi. Noi siamo il cenacolo di Ares e in modo complesso, siamo artisti della semplicit├á. Associazione ll Cenacolo di Ares ├Ę un progetto culturale (dell'associazione senza scopo di lucro Ethiqu├á regolarmente registrata all'agenzia delle entrate) fondato da Gaetano Filice, che ha fra i propri scopi sociali quello di promuovere cultura e commercio equo solidale e bio nelle sue varie forme purch├ę meritevoli. Il Cenacolo di Ares ├Ę dunque un tentativo di valorizzare autori esordiente inserendoli in una comunit├á artistica e culturale e di far fluire le diverse opere sottoforma di pubblicazione interna e verso terzi. Per informazioni comitatoeditoriale@cenacolodiares.com Iniziativa Editoriale Il Cenacolo di Ares a partire dal 2015 ├Ę una casa editrice ed Etichetta Indiendente NON a pagamento, guidata da Igor Lampis e Ivo Murgia, che pubblica libri di Narrativa, Poesia, Saggistisca, Fotografia, Arte e musica. Il suo scopo ├Ę quello di diffondere la propria filosofia attraverso la scoperta e la promozione di talenti che sappiano incarnarla e sappiano dare un senso alla scrittura e all'arte in generale, nella nostra societ├á in cui perfino il prodotto editoriale ├Ę divenuto bene di consumo di massa. Non pubblica con noi chi pensa che essere autori e artisti significhi vendere un best seller che insegua le esigenze del mercato. Non pubblica con noi chi pensa che scrivere un libro sia l'equivalente di fare una ricerca di mercato. Non pubblica con noi chi ritiene utile la macelleria dell'editing mistificante. Non pubblica con noi chi pensa che fare leva su bassi istinti o su facili amori sia la strada giusta per vendere il proprio libro. Non pubblica con noi chi pensa che nella vita artistica sia necessario sempre scendere a compromessi. Pubblica con noi chi pensa che scrivere e fare arte in genere sia un modo per comunicare s├Ę stessi. Pubblica con noi chi sarebbe disposto a rimanere impubblicato tutta la vita pur di mantenere autentica la propria opera. Pubblicano con noi i giovani talenti, gli artisti puri, quelli che hanno spesso avuto porte chiuse in faccia.

 

 PDF    LISTINO    XLS 

CATALOGO  PDF