La Casa editrice NeoClassica nasce con l'intento di diffondere saperi e conoscenze sulla cultura musicale. L'obiettivo principale di NeoClassica è quello di favorire la circolazione di importanti autori e volumi di argomento musicologico ed etnomusicologico, producendo da una parte nuove e aggiornate edizioni e traduzioni di libri ormai fuori catalogo, rari o di difficile reperibilità, e dall'altra pubblicando le ultime ricerche realizzate dai migliori studiosi di ultima generazione. Oltre a questo, NeoClassica si prefigge di mantenere uno sguardo vigile sulle più interessanti novità del panorama musicologico: marcare la saldatura fra futuro e passato, rendendo classico qualcosa di nuovo, è uno dei suoi scopi principali.

 

 PDF    LISTINO    XLS 

CATALOGO  PDF 

Ravel, i concerti
Un problema di identità fra autore e opera

01/01/2017 — Andrea Chegai

  € 16,00   

 

Due concerti per pianoforte e orchestra, fra i più apprezzati del Novecento: apparentemente, composizioni il cui senso è espresso dalla stessa loro natura, nel solco di una tradizione secolare; in realtà opere multidirezionali in cui passato e presente, soggetto e oggetto si sovrappongono e finiscono per confondersi. L’autore fornisce al lettore un’analisi delle due dissomiglianti composizioni. Lo scopo del libro è tuttavia un altro: far dialogare la musica raveliana e le sue ambiguità con lo scenario circostante, contraddistinto da suggestioni molteplici che spaziano dalla musica basca, al jazz, alla Grande Guerra, interrogandosi su concetti quali neoclassicismo e modernità.

Andrea Chegai insegna all’Università di Roma “La Sapienza”. Si occupa di madrigale, di opera italiana, di musica strumentale otto-novecentesca, di storiografia. Condirige Il saggiatore musicale, rivista semestrale di musicologia, e ha recentemente curato assieme ad altri il volume Musiche nella storia. Dall’età di Dante alla Grande Guerra (Roma 2017).

ISBN 9788893740135

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook5

Francesco Cilea

01/01/2017 — Raffaello De Rensis

  € 8,00   

 

La figura di Francesco Cilea, al giorno d’oggi, viene ricordata quasi esclusivamente per il suo capolavoro: il melodramma Adriana Lecouvreur. Pochi sanno però che la sua carriera fu costellata di grandi e piccole opere, di un incessabile processo di raffinazione, e soprattutto di un’instancabile lavoro didattico e organizzativo. Dagli anni dei primi studi musicali a quelli del suo impegno nell’attività didattica, De Rensis ripercorre in maniera concisa ma esaustiva l’intera vita di Francesco Cilea. Il musicologo si sofferma sulle principali composizioni operistiche e sul modus operandi del compositore calabrese, dalla scelta dei soggetti alla definitiva stesura delle opere, fino alla loro messa in scena. Le qualità di questo introverso e timido compositore, inoltre, vengono delineate riservando una particolare importanza alla ricezione delle sue opere sia da parte del pubblico che della critica musicale dell’epoca. Il volume è stato realizzato con il patrocinio dell’Istituto Italiano per la Storia della Musica e della Fondazione Tito e Tilde Gobbi onlus.

Raffaello De Rensis, uno dei più importanti testimoni della vita musicale italiana nella prima metà del Novecento, conseguì la laurea in giurisprudenza, ma ben presto decise di rinunciare alla carriera forense per dedicarsi all’attività di letterato e musicologo. Fondò la casa editrice e settimanale Musica, al quale collaborarono, tra i tanti, Malipiero e Pizzetti. Fra i primi studiosi di Arrigo Boito, profondo conoscitore della musica italiana dal Cinquecento ai suoi giorni (suo fu il progetto dell’opera omnia di Palestrina), amico intimo di Wolf-Ferrari e di molti dei maggiori compositori dell’epoca, De Rensis fu tra i fondatori della Associazione dei musicologi italiani e dell’Istituto italiano per la storia della musica, e fu critico musicale de Il Messaggero e del Giornale d’Italia.

ISBN 9788893740074

Franco Faccio
Arte, Scapigliatura, patriottismo

01/01/2017 — Raffaello De Rensis

  € 16,00   

 

Franco Faccio, compositore e direttore d’orchestra, fu uno dei grandi protagonisti della vita musicale milanese della fine del XIX secolo. Attraverso questa biografia De Rensis ripercorre la parentesi artistica di questo interessante musicista – la stesura delle sue opere, in primis l’Amleto, la sua attività didattica e quella di direttore d’orchestra – mettendola inevitabilmente in continua relazione con l’ambiente musicale e intellettuale circostante. In tal modo emergono di prepotenza le figure di Giuseppe Verdi e Arrigo Boito, il circolo scapigliato, il salotto Maffei, Giulio Ricordi e tutti i più o meno noti artisti dell’epoca. De Rensis offre così una panoramica completa di uno dei periodi più intensi della storia musicale italiana. Il volume è stato realizzato con il patrocinio dell’Istituto Italiano per la Storia della Musica e della Fondazione Tito e Tilde Gobbi onlus.

Raffaello De Rensis, uno dei più importanti testimoni della vita musicale italiana nella prima metà del Novecento, conseguì la laurea in giurisprudenza, ma ben presto decise di rinunciare alla carriera forense per dedicarsi all’attività di letterato e musicologo. Fondò la casa editrice e settimanale Musica, al quale collaborarono, tra i tanti, Malipiero e Pizzetti. Fra i primi studiosi di Arrigo Boito, profondo conoscitore della musica italiana dal Cinquecento ai suoi giorni (suo fu il progetto dell’opera omnia di Palestrina), amico intimo di Wolf-Ferrari e di molti dei maggiori compositori dell’epoca, De Rensis fu tra i fondatori della Associazione dei musicologi italiani e dell’Istituto italiano per la storia della musica, e fu critico musicale de Il Messaggero e del Giornale d’Italia.

ISBN 9788893740067

Novelle e favole

01/01/2017 — Felice Romani

  € 14,00   

 

Felice Romani, uno dei più grandi librettisti ottocenteschi, autore di opere come Norma e L’elisir d’amore, fu anche capace novellista, arguto epigrammista e delicato poeta. Nella presente raccolta (riveduta e annotata) di versi e prose, Romani si perde tra antiche terre lontane dal profumo esotico o passeggia per la Milano del primo Ottocento, esplorando temi ed epoche sempre diversi. Dai racconti cavallereschi (Arturo e Madonia, La nuova Egeria, Il velo di Margravia) alle narrazioni bibliche (Morte di Adamo ed Eva, Rachele e il Dio della Mesopotamia), dalle traduzioni in versi di poemi nordici (Gunloda, Le nozze di Asclusa) fino alle verisimili cronistorie contemporanee (I virtuosi in viaggio, La crinolina) ed ai fulminei epigrammi, Romani si fa testimone degli ambienti, dei sapori e degli umori della letteratura ottocentesca.

Giornalista e letterato, Felice Romani fu autore di numerosi versi e prose (Poesie liriche, Novelle e favole in prosa e in versi); viene comunque principalmente ricordato per la sua prolifica attività di librettista. Scrisse infatti celebri libretti per Gioachino Rossini (Il Turco in Italia, Bianca e Falliero), Vincenzo Bellini (Norma, Il Pirata, La Sonnambula), Gaetano Donizetti (Anna Bolena, L’elisir d’amore) e Giuseppe Verdi (Un giorno di regno).

ISBN 9788893740029

Michelina

01/01/2017 — Temistocle Solera

  € 10,00   

 

A più di un secolo dalla sua creazione, riemerge in prima edizione moderna Michelina, romanzo breve di Temistocle Solera, librettista del Nabucco di Giuseppe Verdi: un episodio di vita romantica ambientato nella Milano del 1836, che racconta le passioni di una giovane ragazza contesa fra le rigide convenzioni familiari, i sotterfugi di sedicenti artisti e l’amore per l’unico uomo che può salvarla.

Figlio del patriota Antonio, Temistocle Solera fu un letterato, librettista e compositore; iniziò a farsi notare nell’ambito culturale milanese grazie alla pubblicazione di due raccolte poetiche. Gli venne in seguito affidata la revisione del libretto di Antonio Piazza, Oberto, conte di San Bonifacio, che segnò il debutto ufficiale di Verdi nel melodramma italiano. Fra il 1839 e il 1846 Solera proseguì la collaborazione con il giovane Verdi, scrivendo per lui i libretti del Nabucco, I Lombardi alla prima Crociata, Giovanna d’Arco e Attila.

http://ilgiornaleoff.ilgiornale.it/2017/06/21/da-verdi-al-romanzo-temistocle-solera-rinasce-ai-nostri-giorni/

ISBN 9788893740043

Autobiografia di un ex cantante e altri racconti musicali

01/01/2017 — Antonio Ghislanzoni

  € 12,00   

 

Nella divertente Autobiografia di un ex-cantante la penna di Ghislanzoni ci conduce nella Milano di inizio Ottocento, mostrandoci ironicamente quale fosse all’epoca la gavetta obbligata di ogni musicista in erba. Una sottile e spiritosa satira di costume emerge tra i tanti personaggi verisimili delineati dall’autore in questi dieci scritti “musicali” selezionati da NeoClassica. Il librettista lombardo racconta, ad esempio, la triste sorte della prima tromba del teatro La Fenice di Venezia (La tromba di Rubly), le salaci avventure di un’attempata aristocratica (Il flauto di mio marito), la curiosa storia di un sedicente pianista nordico (Daniel Nabaäm De-Schudmoëken), oppure ancora Ciò che si vede in un teatro popolare (come dice il titolo di un racconto).

Scrittore, giornalista e fecondo librettista, Antonio Ghislanzoni fu autore di novelle, romanzi e di circa ottantacinque libretti d’opera, fra i quali Aida per Giuseppe Verdi (con il quale collaborò anche alle revisioni di Forza del Destino e Don Carlos), e molti altri per compositori quali Ponchielli, Catalani e Gomes. Collaborando con numerosi periodici e quotidiani, riuscì a conquistare una certa notorietà nella vita culturale milanese e legò il suo nome all’ambiente scapigliato e a quello della fondazione della Rivista minima.

ISBN 9788893740012

L'autunno

01/01/2017 — Guido Menasci

  € 10,00   

 

Sono riunite in questo volume due opere di Guido Menasci: L’Autunno, raccolta di tre brevi componimenti in prosa, e Il libro dei ricordi, serie di poesie, edite per la prima volta a Livorno rispettivamente nel 1901 e nel 1894. I tre racconti – L’Autunno, Ricominciando e Sonia – sono delle veloci impressioni, degli schizzi di una società ancora legata al gusto ottocentesco ma che già inizia a volgere il suo sguardo malinconico al nuovo secolo. Il libro dei ricordi raccoglie una serie di componimenti poetici trattanti argomenti vari: da quelli amorosi (Parole d’amore) alle descrizioni malinconiche degli ambienti viennesi (Ricordi viennesi), ad argomenti mitologici (L’Anello del Nibelungo). La prosa e la poesia di Menasci hanno tutte le caratteristiche del decadentismo italiano e lasciano al lettore un dolce senso di oblio, di perdita di qualcosa che è esistito ma che ormai si scorge solo come un sereno ricordo lontano.

Guido Menasci, giornalista, insegnante e letterato, è celebre per la stesura, in collaborazione con Giovanni Targioni-Tozzetti, del libretto di Cavalleria Rusticana. Successivamente scrisse altri libretti per Mascagni, quali Zanetto e I Rantzau. La sua carriera è inoltre legata all’attività giornalistica e a quella di poeta e letterato. Fu collaboratore assiduo della Nuova Antologia, e, tra i tanti, scrisse Nuovi saggi di letteratura francese, Poesia marinaresca e Les paroles amoureuses.

ISBN 9788893740166

Lettere agli amici

01/01/2017 — Gaetano Donizetti

  € 16,00   

 

In questo piccolo epistolario, Gaetano Donizetti svela il proprio lato più intimo. Le lettere, scritte dopo la morte dell’adoratissima moglie, mostrano quegli aspetti del compositore che difficilmente sarebbero potuti trasparire dalle sue opere: i suoi passatempi, le sue amicizie, i suoi gusti, ma anche e soprattutto l’instancabile energia che mosse – in anni certo difficili – la sua vita e la sua carriera. Alla corrispondenza di Donizetti è premessa l’introduzione di Eugenio Checchi, interessante figura di giornalista-musicologo e patriota; le note alle lettere si avvalgono invece degli eruditi contributi di Filippo Marchetti e Alessandro Parisotti.

Autore di una settantina di melodrammi, Gaetano Donizetti è stato uno dei più importanti compositori europei dell’Ottocento.

ISBN 9788893740081

Luca Marenzio

01/01/2017 — Marco Bizzarini

  € 18,00   

 

Luca Marenzio (c. 1553-1599) portò il genere del madrigale polifonico alla sua più alta espressione. La copiosa opera marenziana mostra un’eccezionale ricchezza espressiva e grande varietà di temi e di generi musicali; accanto ai madrigali, infatti, spicca una cospicua produzione polifonica sacra. Pur perseguendo intenti di sintesi, il volume non rinuncia a proporre dettagli biografici inediti, originali approfondimenti delle opere e un’aggiornata bibliografia.

Marco Bizzarini ha conseguito il dottorato all’Università di Padova, dove dal 2001 svolge attività di ricerca e d’insegnamento. Tra le sue pubblicazioni più recenti spiccano Federico Borromeo e la musica (Roma, 2012) e l'edizione dei Canones nonnulli di Marco Scacchi (Vilnius, 2016). È membro dell'Accademia Ambrosiana di Milano e socio dell'Ateneo di Brescia. Esercita la critica musicale sul Giornale di Brescia e su riviste specializzate.

ISBN 9788893740142

Kreisleriana di Robert Schumann

01/01/2017 — Antonio Rostagno

  € 16,00   

 

I Kreisleriana, una delle opere più singolari nel repertorio di Schumann, sono una suite di otto fantasie per pianoforte. Il titolo rimanda al direttore d’orchestra Johannes Kreisler, personaggio nato dalla fantasia di E.T.A. Hoffmann. Grazie al presente volume il lettore potrà approfondirne non solo il fascino musicale ma anche scoprire il pensiero e le profonde fantasie di uno dei più grandi compositori del Romanticismo tedesco.

Antonio Rostagno insegna Storia della musica presso l’Università di Roma “La Sapienza”. È studioso di Schumann e del melodramma italiano otto-novecentesco, delle avanguardie storiche italiane e delle seconde avanguardie (Berio, Ligeti, Kurtág); curatore di voci enciclopediche per, tra i tanti, The New Grove Dictionary of Music and Musicians (London), Musik in Geschichte und Gegenwart (Kassel).

ISBN 9788893740159

Il suono instabile
Saggi sulla filosofia della musica del Novecento

01/01/2017 — Alessandro Arbo

  € 16,00   

 

I saggi raccolti in questo volume discutono alcuni principali temi della filosofia della musica nel Novecento: dalla presenza del mito di Beethoven nella cultura centroeuropea, all'interpretazione delle metamorfosi dei materiali sonori posteriori alla crisi del sistema tonale, al proposito di identificare nella musica un'esperienza della temporalità più autentica rispetto a quella imposta dall'era tecnologica. La loro disamina è fondata sulla fenomenologia, l'ermeneutica, la teoria della ricezione.

Alessandro Arbo è professore nel Dipartimento di Musicologia dell’Università di Strasburgo. Si occupa prevalentemente di estetica e filosofia della musica; è autore di saggi e monografie sul pensiero illuminista e il Novecento. Tra i suoi lavori più recenti, Archéologie de l’écoute e Wittgenstein et l’esthétique musicale.

ISBN 9788893740098