Dove può arrivare l?immaginazione delle donne. L?Iguana è una casa editrice femminista. Sosteniamo il talento delle scrittrici italiane e scegliamo storie che raccontano le donne senza pregiudizi, in libertà. Ma volgiamo lo sguardo anche al passato e pubblichiamo inediti delle grandi maestre, da Charlotte Brontë a George Sand a Louise May Alcott. Il nostro marchio evoca la donna-rettile inventata da Anna Maria Ortese per raccontare qualcosa che non era mai stato nominato prima. Benvenuta tra noi.

 

 PDF    LISTINO    XLS 

CATALOGO  PDF 

Danzate, fantasmi

09/04/2019 — Consolata Lanza

  € 16,00   

 

Danzate, fantasmi narra le vicende connesse di un gruppo di personaggi che si muovono tra Italia, India, Portogallo e Grecia: le loro vite annaspano tra desideri e confusione, si sfiorano e si rispecchiano, nessuno si rivela interamente all’altro pur vivendo fianco a fianco, lasciando segreto il proprio nucleo doloroso, ognuno impigliato nella danza che intreccia con i propri fantasmi.

Consolata Lanza, torinese, ha pubblicato romanzi e racconti, collaborato a periodici, tenuto corsi di scrittura creativa e seguito il Progetto Alga dal 2010 al 2015. Dal 2007 si occupa del blog Anaconda Anoressica su cui pubblica recensioni letterarie e altro.

Cosa può accaderti se non conosci fino in fondo la persona che hai accanto

Leggilo perché -- Nessuno mostra la sua faccia intera, siamo persone sole perdute tra la gente, come canta Coez. Tutte seguiamo la danza dei nostri fantasmi segreti senza poterli mai abbandonare.

Dalla quarta -- Appena scostata, la porta lascia uscire un raggio di luce che taglia in due il buio. L’aria pesante si fa subito fresca, tesa, carica di salsedine e di luccichii inquieti. Il mare. Le onde e il vento, uno sciacquio regolare, pieno di un’allegria sorpresa. Niente pareti, solo l’orizzonte azzurro e rosso del tramonto che si avvicina. Forse ci vuole qualcosa sulle spalle, per evitare che le folate che tingono di blu le onde ci facciano starnutire. Sulla sponda ci sono tante tamerici, un esercito di alberi spettinati che agitano le braccia in segno di benvenuto per me e di addio per la vela che si allontana nella bruma violacea della sera. Perché ormai è sera, il sole è sparito schiacciandosi in silenzio dietro le nuvole al largo, le tracce d’oro che si dondolano sull’acqua sono svanite a una a una, i gabbiani stanchi lanciano ancora un ultimo lamento prima di infilare la testa sotto l’ala per la notte. Nell’ombra agitata, tra le foglie magre, contro i tronchi ruvidi corrono ombre bianche di fantasmi, lasciando tracce sulla sabbia bagnata come piedi di uccelli o segni di lucertole. Il buio a poco a poco cancella tutto, tranne le scie scintillanti dei fantasmi che danzano sotto i rami.

ISBN 9788898174348

Esse di seta

05/03/2019 — Daniela Più

  € 12,00   

 

Tre secoli fa Francesca Sulis fondava la prima impresa femminile nel settore della seta. Alle operaie provenienti dal popolo venivano impartite una formazione tecnica e un’istruzione scolastica: il lavoro al setificio diventava per le ragazze un’opportunità di riscatto sociale. Nel secolo della Rivoluzione Francese e dell’ascesa di Napoleone Bonaparte, l’esperimento di Francesca aveva un successo strepitoso.
Nel romanzo, la storia dell’imprenditrice temeraria e illuminata è raccontata dalla nipote e arricchita dalle testimonianze di vita vera tratte dai diari dell’epoca.

Daniela Piu è traduttrice e sceneggiatrice. Coordina il Festival Internazionale del Cinema delle Donne Sguardi Altrove.
Ha pubblicato il suo primo racconto nell'antologia Un trapano nel cervello - 10 splatterpunk italiani (1996) e poi si è dedicata al cinema. Ha firmato alcuni cortometraggi e documentari tra cui P.I.S.Q. (2006) e Magna Istria (2010). Nel 2014 ha tradotto il primo romanzo di Isabel Suppé Una notte troppo bella per morire per la collana I licheni di Priuli e Verlucca e Montagna leggendaria della Gazzetta dello Sport, in seconda edizione. Nel 2015 ha tradotto il secondo romanzo di Isabel Suppé, Viaggi con Ronzinante.

La storia di un’imprenditrice temeraria che nel secolo di Jane Austen ha scommesso sul proprio desiderio e dato un’occasione alle altre donne

Leggilo perché -- La biografia di una donna coraggiosa ed eccentrica è sempre fonte di ispirazione. Francesca Sulis è vissuta nella stessa epoca di Jane Austen e Charlotte Brontë, nostre eroine: lo diventerà anche lei.

Dalla quarta -- Eccomi! Al setificio tutto bene, la partita spedita a Milano è stata completamente venduta e Giulini mi manderà il ricavato con la prossima cassa. Stiamo completando il carico da mandarti fra qualche giorno. Fammi sapere qualcosa sulle savoiarde. Sarebbe perfetto se restassero qua un anno e istruissero le mie operaie. Si potrebbe pensare di confezionare direttamente gli abiti mantenendo il ritmo di produzione, provando a migliorarlo, s’intende. Venderemmo così i bozzoli, la seta a peso e i modelli confezionati da noi. Geniale! Ne voglio parlare meglio con Maria Antonia. È al corrente di tutto quello che succede a Parigi grazie alla contessa di Ledà. Va pazza per la moda e viaggia spesso in Francia, la contessa, non si occupa che di sapere com’erano vestite e pettinate a corte. È tornata da poco accompagnata da un parrucchiere molto famoso. Vedessi come ha ridotto le teste delle signore di Cagliari! Vanno in giro tutte ricciolute e con dei gran nastri in testa, che facciamo noi, naturalmente. Ho ordinazioni per i prossimi sei mesi. Insomma qua si va a gonfie vele.
A presto, Francesca

ISBN 9788898174126

Cosa può salvarmi oggi

05/02/2019 — Monica Gentile

  € 15,00   

 

Cristina ha quarantacinque anni, vive con Gaetano da sempre, ha un lavoro che detesta. Dopo un aborto spontaneo, decide di prendere a calci il suo destino: rompe il matrimonio, litiga con la madre, va a letto con uno sconosciuto, resta incinta, di nuovo. Può questa storia avere un lieto fine?

Monica Gentile è nata ad Agrigento. Dopo aver trascorso alcuni anni in Francia e nel Regno Unito, è rientrata in Sicilia dove vive e lavora nel settore turistico. Ha pubblicato alcuni racconti su riviste letterarie e antologie. Il suo romanzo d’esordio Tira scirocco ha vinto il premio letterario Edizione straordinaria 2014 e ottenuto una menzione al Premio Calvino.

Per chi si smarrisce, ma non smette di cercare la sua strada

Leggilo perché -- Il battito d'ali di una farfalla può provocare un uragano: tu puoi essere la farfalla oppure l’uragano. Prima o poi ogni donna fa i conti con la maternità, vissuta o mancata. Perché a tutte, almeno una volta, è toccato rinunciare a un desiderio.

Dalla quarta -- Peccato che la vita sia una puttana.

ISBN 9788898174119

Sono io la tua sposa marina

06/11/2018 — Donatella Borghesi

  € 16,00   

 

La saga di una famiglia non convenzionale, le conquiste delle donne caparbie e le scommesse delle loro eredi. Mezzo secolo dopo il mitico ’68, una ragazza di allora racconta l’educazione sentimentale di quattro generazioni attraverso la storia di Marianna, vedova devota di un eroe della marineria viareggina morto in Bretagna nel 1930, durante il recupero di un relitto carico di esplosivo, del figlio illegittimo Jean, ministro della repubblica francese che negli anni Ottanta apprende il mistero di suo padre, della nipote sessantottina Alberta, che nel nuovo millennio legge le lettere del nonno e ripercorre gli avvenimenti di un passato carico di colpi di scena, fino alla pronipote Carlotta.
Tra lotte, segreti, contraddizioni e tanta voglia di felicità, Alberta rivive l’epica della nonna Marianna, sente con grande sorpresa di avere con lei molti punti di contatto e scopre che l’amore può rivelarsi più sovversivo di qualunque ideologia.

Donatella Borghesi, nata a Lucca da famiglia viareggina, si divide tra Milano, la Maremma e Parigi, la città della figlia Camilla e della nipote Fosca.
Giornalista, ha lavorato in molti settori, dall’editoria alla carta stampata, dalla radio alla tv. Ma è ai periodici femminili che ha dato il maggior contributo, in particolare a Marie Claire, di cui è stata caporedattore. Ha pubblicato il discusso saggio Specchio, specchio delle mie brame, luci e ombre dell’invidia tra donne (La Tartaruga, Milano 2000).

Le conquiste delle donne caparbie e le scommesse delle loro eredi

Leggilo perché -- Donatella Borghesi è imbattibile nel racconto di saghe familiari al femminile e nell'invenzione di personaggi destinati a lasciare il segno.

Dalla quarta -- C’è qualcosa che non torna tra l'immagine ufficiale di quella donna diventata un'icona del dolore e la minuscola foto in bianco e nero scattata sulla spiaggia. Un ombrellino di seta giapponese sulla spalla, Marianna ha i capelli castani i tagliati alla garçonne, una banda mossa le incornicia il volto da un lato. Indossa una blusa senza maniche in un disegno optical. La gonna diritta sotto il ginocchio, le calze velate e le décolleté chiare con il laccetto chiuso a bottone e il tacco a rocchetto. È l'immagine di una donna volitiva, di carattere, con un suo stile rigoroso, perfino alla moda. Il viso intelligente, curioso della vita. Alberta si era innamorata di quella foto.

ISBN 9788898174331

Femminile esorbitante
Dodici storie femministe per ragazze moderne

23/10/2018 — Chiara Turozzi

  € 16,00   

 

Mediche, mistiche, scrittrici di fantascienza, antropologhe, poete, filosofe e matematiche. Il genio femminile è sempre esistito anche se non è mai stato raccontato.

Questo libro ripara una storica ingiustizia e racconta con passo svelto e allegro le biografie di donne che hanno cambiato il loro tempo e creato un ordine nuovo: con arguzia, ironia, intelligenza, tenacia ed eccentricità.

Chiara Turozzi ha scritto di filosofia e critica letteraria per periodici femministi e di attualità per quotidiani e mensili. Nel frattempo ha avuto due figli, maschi, cui ha trasmesso la passione per il cinema horror e la buona abitudine di declinare sempre i nomi anche al femminile. Ha curato la nuova edizione italiana de La mistica della femminilità di Betty Friedan e lavorato come redattrice per alcune case editrici, fino a quando ha deciso che era il momento per avviarne una tutta sua. Così ha fondato L'Iguana, la casa editrice femminista.

ISBN 9788898174102

E io sono la freccia

02/10/2018 — Raffaella Battaglini

  € 18,00   

 

Una poeta salita alla ribalta solo dopo il suicidio. Di lei, ora, tutti vogliono dire qualcosa, ma la verità è che nessuno sa niente. Tranne questo: è Sylvia Plath.

Una donna anarchica e trasgressiva venerata da una timida adolescente in vacanza. Quella donna, poco dopo, viene uccisa.

Infine Ingeborg Bachmann, ormai dipendete da sonniferi e alcool, ossessione di un uomo più giovane che la segue a distanza attraverso una fantasmatica Roma.

Dall'euforia rivoluzionaria degli anni sessanta al disincanto degli anni ottanta, si intrecciano storie di talento, sesso e dolore raccontate da una molteplicità di voci che compongono i ritratti di tre donne prismatiche e sfuggenti. Un romanzo spietato ed emozionante sul legame fra creatività e autodistruzione.

Raffaella Battaglini vive a Roma, dove dal 1989 scrive per il teatro. Ha vinto due Premi dell'Istituto del Dramma Italiano, uno con L’anniversario, l'altro con Conversazione per passare la notte, che ha ottenuto anche il Prix Théatre Italien Contemporain come miglior testo italiano tradotto in lingua francese, messo poi in scena da Federico Tiezzi. L'ospite d'onore, vincitore del premio di drammaturgia del Piccolo Teatro di Milano, è stato rappresentato al Piccolo nel ’95. Una notte con Caligola ha vinto il bando di concorso indetto nel 2000 dal Teatro di Roma ed è andato in scena al Teatro Argentina con la regia di Mauro Avogadro. Nel 2011 ha pubblicato il suo primo romanzo, L'aria di casa (ArchetipoLibri). Il secondo, E io sono la freccia, è entrato in cinquina al Premio Neri Pozza 2015.

UN ROMANZO INTENSO E SPIETATO SUL LEGAME FRA CREATIVITÀ E AUTODISTRUZIONE

«Da brava drammaturga, la Battaglini è una geniale imitatrice di voci perché non le modula mai allo stesso modo» il manifesto

Dopo una miriade di poeti maledetti e scrittori dannati, tra Lost Generation e Beat Generation, E io sono la freccia esplora il lato femminile del rapporto fra creatività e autodistruzione, che passa inevitabilmente attraverso la sessualità e la sofferenza amorosa.

Vere protagoniste di questo romanzo sono le mitiche Sylvia Plath e Ingeborg Bachmann, regine indiscusse della letteratura di tutti i tempi.

Come prima di lei Hannah Arendt e Karen Blixen, Raffaella Battaglini mostra che solo gli altri possono scorgere il disegno di un'identità nel corso della sua esistenza e raccontarla in presa diretta. E che una sola identità è il risultato di tante narrazioni differenti.

ISBN 9788898174324

Le straordinarie bilocazioni di Lily Bells

04/09/2018 — Valentina Ferri

  € 14,00   

 

Lily Bells è una quarantenne single che ama le mises sadomaso, i gatti, i dipinti di Bosch, le biografie delle sante e la Spagna Barocca. Qualche volta le capita perfino di farci un salto. Sì, perché Lily Bells ha il superpotere della bilocazione, ovvero di essere in due luoghi contemporaneamente.

I suoi compagni di avventure sono il nano della spazzatura Little Raphael, ex vedette volante in un circo portoghese, Mister Harry Fox con la faccia da volpe, la signorina Cloe Panthy che sorride come una pantera, Mrs Ellen Oinky e il suo posteriore da maiale, Mrs Madeleine Hawk e il fratello Jude che somiglia tanto a un falchetto.

Ma un bel giorno, mentre una Lily visita il museo e l'altra Lily organizza merende per bambini immaginari, la nostra eroina in carne e ossa trova un cadavere in un pozzo: scoperta dagli assassini, viene reclusa nelle cantine di un palazzo antico mentre loro si preparano a spiccare il volo a bordo di un biplano a motore.

Riuscirà la nostra eccentrica Lily a dare un lieto fine alla sua storia?

Valentina Ferri è attrice di teatro e giornalista.
Vicedirettora del mensile Azienda Edicola, collabora con testate femminili, periodici musicali e pagine di cultura. È autrice del saggio La ineluttabile modalità dell'udibile. Allusioni e strategie musicali nell'Ulisse di James Joyce (Deainedi 2004), dei romanzi Il mare immobile (Galaad 2011), Avevo otto anni e c'era la guerra. Storia a quattro mani con cucina (Deainedi 2014) e Quando il leone si ciberà di paglia (Galaad 2014). Nel 2016 ha pubblicato i libri Pop Porno e Condividi! La Sharing Economy è il futuro con Hop edizioni.

UNA QUARANTENNE SINGLE CHE AMA LE MISES SADOMASO, I GATTI, I DIPINTI DI BOSCH E LE BIOGRAFIE DELLE SANTE: LILY BELLS SARÀ LA TUA NUOVA EROINA

«Un romanzo forte e una scrittura che scivola veloce» Donna Moderna

Le straordinarie bilocazioni di Lily Bells è la favola imperfetta di una eroina imperfetta dotata di un bizzarro superpotere: un libro per sognatrici e visionarie di qualunque età.

Se ami le avventure rocambolesche e sei una gattara incallita, come Doris Lessing, Patricia Highsmith e l'irresistibile Lily Bells, devi assolutamente leggere questo libro.

Ironia, brivido e incanto. Al romanzo di Valentina Ferri non manca proprio nulla.

ISBN 9788898174317

Hospital sketches
Le tragicomiche avventure dell'infermiera Tribulation Periwinkle. Testo inglese a fronte. Ediz. bilingue

03/04/2018 — Louisa May Alcott

  € 17,00   

 

Un romanzo formidabile della mitica autrice di Piccole donne.
Tra il 1862 e il 1863 la trentenne Louisa May Alcott prestò servizio allo Union Hospital di Georgetown e dalle lettere inviate alla famiglia durante le sei settimane da volontaria trasse le tragicomiche avventure dell’infermiera militare Tribulation Periwinkle, pubblicate con il titolo Hospital Sketches nel 1863.
Tribulation, detta anche Miss P, non esita a sporcarsi le mani, si batte per i feriti sopportando spettacoli crudeli, salta i pasti e perde il sonno, ma non rinuncia mai a una battuta ben assestata quando prende di mira i chirurghi frettolosi, gli uomini di Chiesa e la burocrazia. Fiera, eretta e determinata, procede a grandi falcate nella sua missione fino a quando, contratta la febbre tifoide, è costretta a tornare a casa.
Tribulation non è bella, non è ricca, non è fortunata ma è sveglia, coraggiosa, intraprendente, autoironica. È una resiliente. Un modello per tutte le ragazze, una vera eroina moderna. Una femminista come Louisa May Alcott.
La traduzione, con il testo inglese a fronte, è a cura di Sara Grosoli, con una prefazione di Daniela Matronola.

Seconda di quattro sorelle, figlia della suffragetta Abby May e del filosofo trascendentalista Amos Bronson Alcott, Louisa nacque nel 1832 a Germantown e visse prima a Boston, poi a Concord. Ricevette un’istruzione privata da Margaret Fuller, Nathaniel Hawthorne e Henry David Thoreau, ma a causa della precaria situazione economica della famiglia, dovuta all’insuccesso della scuola sperimentale fondata dal padre, iniziò a lavorare presto come insegnante, domestica, sarta, governante.
Femminista e antischiavista, dopo aver pubblicato Flower Fables Louisa intraprese una collaborazione con la rivista Atlantic Monthly e durante la guerra di Secessione lavorò come infermiera fino a quando si ammalò di tifo. In seguito pubblicò alcuni romanzi con lo pseudonimo A. M. Barnard e, dopo il semiautobiografico Little Women: or Meg, Jo, Beth and Amy, compose altri tre romanzi sulla storia delle sorelle March. Nel frattempo adottò la nipote orfana Louisa May Nieriker, Lulu, e si occupò del padre colpito da paralisi. Morì per un ictus due giorni dopo di lui, nel 1888.


ISBN 9788898174294

La voyeuse

13/02/2018 — Eleonora Tarabella

  € 12,00   

 

ISBN 9788898174300

Non troverai altro luogo

14/11/2017 — Marilia Mazzeo

  € 18,00   

 

Carlo è introvabile. Dopo aver perso il lavoro, ha smesso di dare notizie e di rispondere al telefono. Gli ultimi indizi rilevati dai carabinieri risalgono a due mesi fa. Sua madre Elena decide di cercarlo e di far luce sul mistero della sua scomparsa investigando sui pochi dettagli di cui dispone, ripercorrendone le tracce seminate tra Torino e Trieste e incontrando le persone che hanno avuto a che fare con lui. Durante il viaggio, scandito da sogni e flashback che svelano poco per volta il passato della famiglia, Elena ascolterà storie di donne e uomini, di ansie, lotte, delusioni, sconfitte, e dovrà rendersi conto di non conoscere veramente né i suoi figli né il mondo che li circonda. Il romanzo di Marilia Mazzeo, marcato da dialoghi serrati che assecondano con precisione la lingua quotidiana, punta il dito sulla crisi economica che ha fatto esplodere nuovi conflitti generazionali, senza allentare mai la tensione sulla domanda cruciale: che fine ha fatto Carlo?

Marilia Mazzeo è nata a Ravenna, ma vive a Venezia da molti anni. Dopo aver studiato Architettura ha deciso di cambiare rotta e dedicarsi alla scrittura. Ha pubblicato la raccolta Acqua alta (Theoria 1997), i romanzi Parigi di periferia (EL 1998) e La ballata degli invisibili (Frassinelli 1999) e una serie di racconti, alcuni tradotti in inglese, tedesco e francese, per antologie, giornali e riviste.

«A Mazzeo bisognerebbe affidare un lavoro di sceneggiatrice di cinema per la sua abilità inesorabile nei dialoghi, nell’intrecciare le vite senza trucchetti». il manifesto

«La Mazzeo si rivela attenta osservatrice di una quotidianità dominata da un caso capriccioso e talora crudele». l'Unità

Il soggetto è molto attuale. Marilia Mazzeo infatti non perde mai di vista il contesto della crisi economica, delineata attraverso la vita quotidiana dei personaggi di generazioni differenti che animano le pagine di questo romanzo.

ISBN 9788898174263

Raccontami tu

10/10/2017 — Maristella Lippolis

  € 15,00   

 

Un viaggio a notte fonda, una bambina seduta accanto, una meta sconosciuta. Da cosa scappa Caterina? E poi Dina, con la sua evasione in piena regola e il tentativo struggente di confondersi tra la folla. Da cosa scappa? Infine Alice, così determinata a ricominciare da capo, pronta a offrire a tutte una nuova occasione. Ma il suo male nascosto è in agguato. Anche lei sta scappando?Unite dal caso, senza un piano di fuga preciso e costrette a guardarsi alle spalle, le tre donne impareranno a fidarsi una dell’altra e a contrattare giorno per giorno il prezzo della libertà da un passato insidioso. In questo romanzo intenso e tesissimo Maristella Lippolis mette in gioco la potenza delle relazioni e l’attitudine femminile al racconto di sé, e con l’intreccio esemplare delle vicende mostra che ogni storia trova sempre compimento nell’inizio di un’altra.

Maristella Lippolis vive a Pescara, ha due figlie, una nipotina e due gatte.Ha esordito nella narrativa pubblicando racconti sulla rivista Tuttestorie, diretta da Maria Rosa Cutrufelli. Vincitrice del Premio Piero Chiara 1999 con la raccolta La storia di un’altra (EdizioniTracce), in seguito ha pubblicato i romanzi Il tempo dell’isola (Edizioni Tracce), Adele né bella né brutta (Edizioni Piemme), finalista al Premio Stresa 2008, e Una furtiva lacrima (Edizioni Piemme). Ha curato la pubblicazione di libri di narrativa e saggistica. Collabora con la rivista Leggendaria, il LetterateMagazine, il Magfeste organizza laboratori di scrittura creativa e autobiografica. Il suo blog è all’indirizzo www.maristellalippolis.it.

«Maristella Lippolis sa cogliere con intelligenza la verità sui destini delle donne».
Corriere della Sera

«Storie bellissime, con donne per protagoniste assolute».
Il Sole 24 Ore

Maristella Lippolis è imbattibile nell’intrecciare storie di personaggi femminili autentici, tenaci e commoventi, destinati a lasciare il segno. Il retroscena sociale delle vicende narrate è prepotentemente attuale: violenza sulle donne, femminicidio e prostituzione.

ISBN 9788898174256

#felicità

09/05/2017 — Marika Borrelli

  € 16,00   

 

La felicità è essenzialmente un prodotto editoriale estivo, esordisce l’autrice. Vero. Questo libro ha infatti il tono di un’effervescente e semiseria lettura da spiaggia. Ma non lasciatevi ingannare: Hashtag felicità è un trattato filosofico di quelli rigorosi. L’indagine puntuale di Marika Borrelli, da Platone a Kant, da Seneca a Popper, da Virginia Woolf a Margherita Hack, con qualche incursione nel cinema contemporaneo e nelle serie tv, punta dritto a scandagliare la mistica della felicità nelle sue svariate forme, senza tralasciare Prozac, New Age, Ikea, Twitter e perfino il Paradiso. Perché non basta la T-shirt commemorativa di una piccola vittoria per essere felici.

Marika Borrelli vive e lavora ad Avellino. Docente, giornalista freelance, blogger, saggista, conduttrice e autrice televisiva, si occupa di questioni di genere e di costume. Ha collaborato con Il Fatto Quotidiano, Vogue, Noidonne, Giulia Globalist, Ottopagine e scrive per orticalab.it.
Ha pubblicato Come pesci nella rete (con J. Piromallo, Armando editore 2011), Il peggio deve ancora arrivare (Il papavero 2012) e Amore 3.0 (La Compagnia del Libro 2016). Ha collaborato all’antologia sulla Resistenza Festa d’aprile (Tempesta 2015) e al docu-libro fotografico sul sistema Auschwitz Fino al paese della betulle (con A. Bergamino, Blur 2016).

A settembre Marika Borrelli ha ricevuto il premio Prata per la carriera di giornalista.

«Un libro da tenere sul comodino: da leggere con spirito autocritico e con grande parsimonia».
Mariagrazia Poggiagliolmi

La prosa trascinante di Marika Borrelli e il soggetto di grande interesse fanno di questo saggio un libro da leggere anche sotto l’ombrellone, un regalo perfetto per ogni occasione.

ISBN 9788898174249

Quando nascesti tu, stella lucente

18/04/2017 — Nadia Tarantini

  € 17,00   

 

Abbandonereste corpo e memoria per vivere in eterno? 2346. Sotto la Calotta, dove vivono alcune migliaia di sopravvissuti al Grande Disastro, i Trentenni della Prima Generazione assaporano gli ultimi dodici mesi da esseri umani completi. Dopo diciassette vite, transitando da un’ibernazione all’altra per rallentare l’invecchiamento, sono in procinto di guadagnare l’eternità. La contropartita prevede la rinuncia definitiva a ogni ricordo e alla sensibilità del corpo: saranno innestati nei Cubi cerebrali che custodiranno il loro patrimonio e lo metteranno a frutto. In attesa del suo innesto, la scienziata Marcela si imbatte nei Sepolti, che hanno rinunciato alle ibernazioni per assecondare l’invecchiamento naturale fino alla morte. Decide così di intraprendere lo studio di un fenomeno mai investigato prima.

Giornalista de l’Unità per oltre vent’anni, nel 1998 Nadia Tarantini ha lasciato il quotidiano per dedicarsi alla scrittura e all’insegnamento. Ha pubblicato alcuni libri di inchiesta, due manuali sulla scrittura e un saggio sulla salute, Il risveglio del corpo (Iacobelli editore, Roma 2002). Oggi conduce corsi e laboratori di scrittura nelle università e nelle scuole.

«Un manifesto sul significato autentico del vivere ».
il venerdì di Repubblica

«L’utopia di Tarantini racconta le donne che salvano l’umanità».
La ventisettesima ora del Corriere della Sera

«Il punto di vista di una donna che, nella sovversione del tempo, dello spazio e delle categorie culturali e sociali intrinseche alla fantascienza, si interroga su maternità, morte e immortalità».
L’Indice dei Libri

«L’antica canzone popolare Quando nascesti tu, stella lucente diventa la nuovissima rivoluzionaria colonna sonora di chi non si lascia espropriare né della corporeità né dei propri sogni».
Noidonne

Gli scenari post apocalittici, l’impatto tecnologico nei dettagli minimi della vita quotidiana e le tematiche trattate inseriscono a pieno titolo il romanzo di Nadia Tarantini nella tradizione letteraria della science fiction più genuina.

ISBN 9788898174232

Un inverno a Maiorca

09/02/2017 — George Sand

  € 14,00   

 

Perché viaggiare se non si è costretti? Un libro di viaggio non tesse necessariamente le lodi del paese che descrive. E Un inverno a Maiorca è appunto la cronistoria della disfatta totale, geografica e sentimentale, che porta George Sand a schierarsi dalla parte dei sedentari. «Tutti noi, quando abbiamo un po’ di tempo libero e di denaro, viaggiamo, o piuttosto fuggiamo, perché non si tratta tanto di viaggiare quanto di partire, capite? Chi non ha un dolore da cui distrarsi o un giogo di cui sbarazzarsi?». Si parte per noia, per insofferenza, per chiudersi una porta alle spalle o per interrompere il solito tran tran. Niente a che vedere con la voglia di scoprire il mondo. Anzi: quando il mondo fuori si rivela sul serio, risulta spesso deludente. Come accade a George Sand, che con i figli e il nevrotico compagno Fryderyk Chopin trascorre alle Baleari l’inverno del 1838, raccontato nel suo raffinato resoconto demolitorio. In prima edizione italiana.

George Sand è lo pseudonimo maschile della scrittrice francese Amantine Aurore Lucile Dupin (1804 - 1876), autrice di numerosi romanzi, novelle e drammi teatrali che riflettono le contraddizioni dell’epoca in cui era tra i personaggi più affascinanti e spregiudicati. Femminista moderata, fu attiva nel dibattito politico e partecipò al governo provvisorio del 1848, esprimendo posizioni vicine al socialismo che abbandonò, in seguito, per il repubblicanesimo. L’opposizione alla politica temporalistica e illiberale del papato le costò la messa all’Indice di tutti i suoi scritti. Tra i titoli più illustri: Indiana, Lélia, Consuelo, La palude del diavolo, La piccola Fadette, François le Champi e Storia della mia vita.

«Una lettura intrigante».
D de La Repubblica

La prima traduzione italiana di un romanzo di viaggio insolito e demolitorio, in cui si alternano paesaggi esotici e vicende amorose. Protagonisti una caustica George Sand e un Fryderyk Chopin nervrotico, alle prese con le seccature di una villeggiatura malriuscita.

ISBN 9788898174218

Accade scrivendo
La scommessa di Marguerite Duras

01/05/2016 — Alessandra Pantano

  € 14,00   

 

Alessandra Pantano ha voluto mostrare come la scrittura di Marguerite Duras sia stata il tentativo di esprimere una nuova forma di pensiero, intendendone uno che possieda tutta la forza simbolica di quello filosofico nonostante nasca come scommessa di scrittura. In questo modo riprende il gesto e l'intenzione delle donne che hanno mostrato come la grande scrittura femminile sia da considerare una forma di investigazione del mondo e del suo senso attraverso le possibilità.

ISBN 9788898174171

Non smetto di aver freddo

05/04/2016 — Emilia Bersabea Cirillo

  € 16,00   

 

Un vincolo potente e senza via di scampo unisce le due protagoniste di questo romanzo. Cresciute insieme dalle suore in orfanotrofio, dopo aver smarrito le tracce una dell'altra si incontrano nel posto sbagliato al momento sbagliato, e una raffica di ricordi, slanci e rivelazioni scuote le loro esistenze. Al punto che la placida Dorina, aggrappata al fantasma della madre, decide di tagliare corto e scommettere tutto sul proprio desiderio, mentre Angela, tormentata da un amore devastante, accetta di pagare un prezzo altissimo per riscattare entrambe. Con una prosa asciutta e precisa, che alterna sapientemente due voci, presente e passato, lingua nitida e piglio dialettale, Emilia Bersabea Cirillo delinea ritratti esemplari, fallimenti clamorosi, occasioni afferrate al volo, senza perdere di vista il contesto sociale e politico di una provincia del Sud costretta a nuove migrazioni. E mostra che anche quando fuori imperversa una tempesta di neve, il freddo che si insinua sotto la pelle proviene sempre da un luogo profondo e inaccessibile.

Emilia Bersabea Cirillo, architetta, vive e lavora ad Avellino. Ha pubblicato Il Pane e l’argilla. Viaggio in Irpinia (Filema, Napoli 1999), i racconti Fuori misura (Diabasis, Reggio Emilia 2001), Premio Chiara 2002, i romanzi L’ordine dell’addio (Diabasis, Reggio Emilia 2005), finalista al premio Domenico Rea, e Una terra spaccata (Edizioni San Paolo, Milano 2010) vincitore del Premio Maiella e del Premio Prata, i racconti Gli incendi del tempo (et al. edizioni, Milano 2013).

Non smetto di aver freddo è vincitore della XI edizione del Premio letterario Minerva.

ISBN 9788898174188

L'approdo invisibile

07/03/2016 — Grazia Livi

  € 16,00   

 

Un desiderio implacabile muove Grazia Livi, giornalista disincantata e scontenta, sulle tracce di "un ordine segreto, un approdo invisibile". Per questo torna nella sua Londra, dove ogni dettaglio insinua un'occasione e anche episodi minimi rivelano colpi di scena: un viaggio con il tube, un incontro inatteso, un ricordo folgorante, la lettura di un libro. Fino all'intuizione esplosiva. Determinata e fiera, Grazia Livi decide una volta per tutte di abbandonare il giornalismo e affilare la penna, diventando una delle scrittrici italiane più autorevoli del Novecento. La prima edizione de "L'approdo" è del 1980, quando da un capo all'altro del mondo numerose donne sveglie sono impegnate a fare i conti con un ordine simbolico che non ammette espressioni adeguate alla loro esperienza. Così Grazia Livi si rimbocca le maniche e intraprende una paziente contrattazione con la parola per articolare buchi e scarti. Con un saggio di Paola Azzolini.

ISBN 9788898174157

A mille ce n'è

06/11/2015 — Cinzia Bigliosi

  € 12,00   

 

Basta una coincidenza perché esistenze lontane anni luce si incrocino nel modo peggiore. Un torrido mattino d'estate, un semaforo rosso, una collisione, il pizzo di un calzino che spunta tra le pieghe delle lamiere e un segreto indicibile che alimenta un equivoco spaventoso. Ma chi ha sbagliato davvero? Così un buco nella logica diventa gorgo senza fondo. Marcato da una prosa spietata e lancinante, il racconto di Cinzia Bigliosi descrive tutte le prospettive possibili, rivela altre mille minuscole vicende, mostra cosa accade quando il buon senso viene sopravvalutato: che è troppo tardi per tornare indietro. E allora nessuna colpa, nessuna sentenza, nessun risarcimento. Solo resa inappellabile.

ISBN 9788898174164

Ho tentato tre inizi
Lettere 1847-1853

02/03/2015 — Charlotte Brontë

  € 17,00   

 

Cinquantasette lettere inedite, scritte ai maggiori intellettuali dell'epoca tra la pubblicazione di "Jane Eyre" e quella di "Villette", rivelano tutta la potenza argomentativa, la finezza di analisi, la preparazione critica di Charlotte Brontë. Sagace, puntigliosa, calibratissima.

ISBN 9788898174140

Cattivissimo Natale

24/11/2014 — Manuela Zucchi

  € 15,00   

 

In un'atmosfera luccicante di palline colorate e buoni sentimenti, appostato dietro l'albero di Natale il diavolo lancia la propria sfida. Si insinua tra espiazioni improbabili e aspettative deluse, pungola rancori insospettati, piega le coscienze fino a renderle subdole. E alla fine stravince, con stile e senza clamore. Scanditi da una scrittura nitida, che ricalca esitazioni e slanci della lingua parlata, i racconti affilati di Manuela Zucchi svelano infime vendette camuffate da maniere gentili, scelte vigliacche scaturite da sani propositi. Perché anche a un'anima candida, se tormentata, capita l'occasione sbagliata al momento giusto. Critica disincantata della festa più convenzionale? Sabotaggio di un rituale frivolo? No, solo la cronaca di un Natale molto cattivo. E dannatamente vero.

Manuela Zucchi è nata a Bologna, dove vive. È guida d?arte, lavora per la regione Emilia-Romagna e scolpisce per diletto. Ha pubblicato novelle, fiabe, gialli e un romanzo. Cattivissimo Natale segna il suo ritorno al racconto seriale.

ISBN 9788898174133

Amami per rendermi forte

18/10/2014 — Aino Suhola

  € 14,00   

 

Una lingua garbata ma perforante, da pugno allo stomaco e nodo in gola, per un libro edito finalmente in Italia dopo quattordici ristampe in Finlandia. In perfetto equilibrio tra la tessitura seduttiva della prosa e la cadenza risoluta della poesia, Aino Suhola punta il dito sui tratti più impietosi della smagliante civiltà dell'hole in one, votata alla strategia vincente e all'uniformità del protocollo, che genera soggetti efficienti come macchine, tirati a lucido, talmente pieni di sé da non concedere spazio a nessun'altro. Senza mezzi termini, Suhola descrive la fatica di stare al passo e la miseria della vita intera messa da parte, ma soprattutto racconta di quelli che sbagliano fatalmente mira e per aggiustare il tiro ricorrono a violenza, alcol e stupefacenti. Ma in fondo, con i piedi nel fango o il sedere in business class, siamo tutti animali storditi e ingabbiati. E nonostante la corazza dura e le unghie affilate, tendiamo sempre le braccia per ricevere amore e non avere più paura.

ISBN 9788898174096

Il complesso di Antigone
Etica e invenzione del desiderio femminile

14/07/2014 — Cecilia Sjöholm

  € 16,50   

 

Se ritenete il complesso di Antigone un paradigma inversamente proporzionale al vecchio Edipo, siete fuori strada. Perché Antigone cambia addirittura i presupposti della questione. L'indagine filosofica puntuale e disinvolta di Cecilia Sjöholm, da Wollstonecraft a Butler passando per Hegel, Freud, Heidegger, de Beauvoir, Lacan e Irigaray, con un paio di incursioni nel cinema contemporaneo, punta dritto a sciogliere il nodo di etica e desiderio screditato dal campione maschile di razionalità, che ha relegato il femminile, enigmatica mancanza d'essere, a un'emotività fatale. Ma Antigone, che incarna il senso dell'altro e una differente etica del quotidiano, sfida qualunque tentativo di prescrivere un modello strutturale o una funzione effettiva. Ha a che fare, piuttosto, con la complessità che il desiderio femminile chiama inevitabilmente in causa.

Cecilia Sjöholm è docente di Estetica alla Södertörn University. La sua ricerca è centrata su temi di estetica e fenomenologia, con un occhio di riguardo alla storia dell?estetica specialmente in rapporto all?etica. The Antigone Complex è il primo saggio tradotto in Italia.

ISBN 9788898174072

Gazzelle

01/11/2013 — Anna Pravadelli

  € 14,00   

 

Il riscatto esige un costo, la salvezza implica almeno una colpa. Eppure non esiste misura per stabilire una corrispondenza esatta: una piccola redenzione comporta spesso un sacrificio tremendo. Ecco perché i personaggi singolari di Anna Pravadelli affrontano spietate rese dei conti dandosi, con poca dignità, alla fuga. Corrono via come gazzelle, esili e veloci.

Anna Pravadelli sta concludendo la formazione per diventare psicoterapeuta sistemico-relazionale e lavora a Verona, come operatrice dei servizi per il lavoro. Questo è il suo libro d?esordio.

ISBN 9788898174058

La vida venciendo a la muerte
Madres de Plaza de Mayo

01/05/2013 — Ludmila Bazzoni

  € 14,00   

 

Nell'aprile del 1977, a Buenos Aires, quattordici donne si affacciavano sulla scena pubblica proclamandosi, prima di tutto, madres de desaparecidos. Marciando sulla piazza, nel cuore della città, con i capelli raccolti in anonimi fazzoletti bianchi, di giovedì in giovedì quel piccolo gruppo diventava un movimento grande. Erano le Madres de Plaza de Mayo. Ludmila Bazzoni, nata e cresciuta in Argentina, mette in gioco gli strumenti raffinati delle teorie politiche, i guadagni del pensiero femminile e le testimonianze di una lingua che è anche sua, per proporre una lettura avvincente e squisitamente filosofica di quel movimento. E passando per le riflessioni di Hannah Arendt, Judith Butler, Adriana Cavarero e Olivia Guaraldo, l'autrice mostra come, portando fuori casa relazioni autentiche, saperi quotidiani e una buona dose di senso pratico, le Madres hanno trasformato la perdita in una vera e propria rivoluzione simbolica. Inaugurando una politica del tutto inedita.

Ludmila Bazzoni è nata a Cordoba, in Argentina, e da più di vent?anni vive a Verona, dove si occupa attivamente di filosofia politica e teorie femministe. Con altre giovani donne ha fondato il collettivo Benazir, che nel 2012 ha pubblicato Frammenti di autocoscienza. Il percorso politico sulla sessualità di un gruppo di giovani femministe (Aracne editrice).

ISBN 9788898174027

Salnitro

01/10/2012 — Gloria Zanardo

  € 13,00   

 

Con il piglio veloce della lingua di tutti i giorni, la cadenza della poesia e una buona dose di ironia sottile, le intuizioni filosofiche diventano storie di comune originalità. Gloria Zanardo delinea ritratti esilarati e commoventi, interpreta la metafisica delle bambine e i criteri stravaganti delle prozie. Ma soprattutto racconta occasioni afferrate al volo o perdute clamorosamente, attese snervanti che non danno mai tregua, congedi dolorosissimi che non chiudono davvero i conti. E alla fine, atti dovuti e atti mancati che si risolvono in una resa incondizionata. Intanto, il tempo trascorre e lascia il segno sulle cose, come l'odore di muschio nel baule del nonno, un nome tra le pagine custodite sottochiave, una vespa che ormai perde colpi. O come il salnitro sui vecchi muri.

Gloria Zanardo vive a Verona, dove insegna alla scuola superiore e partecipa al lavoro filosofico della comunità di Diotima. Ha pubblicato la raccolta di racconti Presente remoto (Luciana Tufani Editrice) e numerosi saggi per volumi collettanei. Ha scritto su Luce Irigaray, Jacques Lacan, Simone Weil e ha approfondito la questione dell?oralità nella pratica della scrittura.

ISBN 9788898174003