Mio nonno era fascista

10/2018 — Stefano Welisch

€ 14,00   

 

Il romanzo narra le vicende reali di Giorgio e di Giuliana, destinati a innamorarsi e a sposarsi. Nel ventennio fascista però sono due ragazzini che crescono in ambienti familiari completamente diversi, senza sapere nulla l’uno dell’altra. Giorgio, mamma casalinga, padre funzionario di banca membro di spicco del PNF, nonna che sa raccontare in modo meraviglioso le favole, sorella minore a tratti fastidiosa. Giuliana, estrazione alto-borghese, padre ebreo che per amore ha rinnegato la sua religione. Attraverso i loro occhi e le loro esperienze si dipanano gli eventi che segnarono l’Italia tra il 1934 e il 1952. Stefano Welisch intreccia le vicende drammatiche e sorprendenti dei suoi protagonisti a quelle, non meno travagliate, di un periodo della nostra storia in cui luci e ombre si sono fuse in continuum spesso inestricabile.

Da sempre appassionato lettore, in particolare di romanzi storici e di fantascienza colta, ha cominciato a cimentarsi con la scrittura dopo la sua permanenza di quattro anni negli Stati Uniti. Il suo primo libro, Clelia o dell’immortalità, un romanzo d’introspezione psicologica, del genere fantastico, è stato pubblicato nel 2002; ha fatto seguito Obiezione Vostro Onore, una satira graffiante degli americanismi nostrani. Con Giovane Holden Edizioni ha pubblicato nel 2013 Il Presidente d’Italia, genere fantapolitica, e il racconto Ucronia, 2018. Dedica tuttora alla scrittura il tempo che la sua attività imprenditoriale gli lascia libero. Separato con due figli, nato a Rapallo (Ge), vive a Padova con la fidanzata, Agnese.

ISBN 9788832922196

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook1