Insatura

10/2018 — Federica Mazzeo

€ 9,00   

 

Silloge elegante, calibrata, pregna di doppi piani di lettura, di vie secondarie all’interno dello stesso verso. I lemmi giocano con gli oggetti, ne cercano la densità, per poi volare via leggeri. La poesia tenta la strada di comporre e racchiudere e allo stesso tempo di esplodere e non finire: è un crocicchio illuminato da stelle plurime; l’ispirazione è quella di onorare i bordi che non collimano. Insatura è una sorta di domanda sugli oggetti dell’esistere, sulla filigrana dei sentimenti, sulla bellezza, sulla forza della parola. È il luogo dello scarto, quando tra le pieghe delle maglie della trama attesa si insinua l’incanto e il tempo e lo spazio si dilatano, si trasfigurano, si addensano in traiettorie nuove e impreviste. È il momento in cui si presenta il prodigio, è un avvicendarsi di occhi spalancati e di sorrisi agli angoli della bocca, la realtà che cade e si accomoda nel suo fondo di verità, che è un fondo scuro come la terra.

È nata e vive a Roma. Lavora come psicanalista junghiana e l’interesse per la psicologia, per l’arte, per l’alchimia e per la dimensione onirica ha nutrito la pratica di seguire e dare voce alle immagini, che si è espressa prima con il teatro poi con la poesia. Dopo avere vinto nel 2011 il Premio Letterario Giovane Holden, pubblica la sua prima silloge poetica, L’opera al rosso.

ISBN 9788832922592

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook1