Nessuno mi chiede di te

02/2019 — Pierluigi Gronchi

€ 12,00   

 

Il senso della vita è, forse, semplicemente il senso che si decide di darle. O come canta Vinícius de Moraes La vita non è un gioco, amico/ la vita è l’arte dell’incontro. È il caso, la coincidenza, il destino, la vita che ci fa incontrare qualcuno o qualcosa che ci fa vibrare. Incontrare un amore, un amico, una persona con cui costruire e inventare un noi. Altrettanto incontrare un libro, un animale, un soffio di vento in primavera. Alzarsi una mattina e avere la consapevolezza che qualcosa sta per cambiare. I gesti sono gli stessi. Stessi i rituali, gli obblighi e le responsabilità. Eppure avverti una specie di brivido positivo. Una sensazione, un’intuizione. Qualcosa sta per far irruzione nella tua vita. Tu non puoi e non vuoi evitarlo. Perché quell’incontro, non importa se durerà un attimo un giorno un anno o più, riposizionerà le tessere del mosaico. L’arte dell’incontro è quella che, nei primi istanti, fa succedere tutto e niente. Prima non c’era, adesso c’è. E tu, che non sei mai stato, adesso senti l’avventura nelle cose quotidiane. L’arte dell’incontro è quella delle vite quando si sfiorano e non si invadono. Il momento prima della definizione. La vigilia delle certezze. L’alba dei ricordi quando torni a essere io. Gli incontri veri si fanno solo così, con la consapevolezza che potrebbero non durare, che potrebbero continuare a esistere solo dentro di te, che potrebbero non chiedertene mai notizia. Una silloge intensa, elegante e musicale venata di una melanconia che trafigge i sensi e le emozioni.

Nasce a Pontedera (Pi) nel 1945 da famiglia operaia. Frequenta tutti gli ordini di scuola, fino al conseguimento del Diploma di Ragioniere. Nel frattempo già scrive versi ed è fra i fondatori insieme a G. Ciabatti, suo conterraneo, vincitore nei primi anni ’60 del Premio Nazionale di Poesia Giosuè Carducci, di un Circolo Culturale molto attivo in quel periodo. Seguono il lavoro come impiegato, il matrimonio e più tardi, l’iscrizione alla Facoltà di Lettere presso l’Università di Pisa dove frequenta, con particolare interesse, il corso di Filosofia del Prof. Bodei. Esperienza di breve durata per difficoltà pratiche e familiari. Poi più niente, a eccezione di rare partecipazioni ad alcuni concorsi letterari, fino alla pubblicazione con Giovane Holden Edizioni delle sillogi Solitudini e altre assenze, 2014, e Il Tempo e l’Attesa, 2016. Vive e lavora in provincia di Pisa.

ISBN 9788832923742

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook1