Derrida chi? Un ritratto, tredici interviste

10/2017 — Igor Pelgreffi

€ 25,00   

 

Cosa resta, oggi, di Derrida? Che tipo di riflessione è oggi possibile sulla sua opera? Questo libro raccoglie tredici interviste inedite a filosofi e intellettuali italiani che ripercorrono il proprio rapporto con la figura e il pensiero di Jacques Derrida, sia da un punto di vista teorico che biografico. Muovendo da acquisizioni, allontanamenti e qualche retroscena, il libro ricostruisce la figura di Derrida mediante una molteplicità di voci, differenti sia per formazione che per età anagrafica: un “ritratto cubista” che restituisce un’immagine tutt’altro che unitaria. Indagando il modo nel quale i protagonisti delle interviste si confrontano e (si) riflettono sull’oggetto rappresentato (Derrida), indirettamente il libro rappresenta anche un'indagine sulla filosofia italiana del secondo Novecento e sulle ragioni della ben nota difficoltà di assimilazione della riflessione derridiana. E sui possibili problemi da ciò sollevati: che cosa accadrebbe se Derrida fosse davvero compreso? Contributi di: Valerio Adami, Stefano Agosti, Gianfranco Dalmasso, Silvano Facioni, Maurizio Ferraris, Manlio Iofrida, Riccardo Panattoni, Silvano Petrosino, Caterina Resta, Pier Aldo Rovatti, Carlo Sini, Gianni Vattimo, Francesco Vitale.

Igor Pelgreffi, professore a contratto in Etica e filosofia della persona presso l’Università di Verona, e docente nella scuola secondaria superiore, a Bologna. La sua ricerca verte sulle relazioni tra filosofia, scrittura e corpo, entro una ricognizione delle forme espressive del “filosofico” in epoca contemporanea. Tra i suoi libri: Slavoj Žižek (2014), Scrittura e filosofia. Jacques Derrida interprete di Nietzsche (2014), La scrittura dell’autos. Derrida e l’autobiografia (2015), Il filosofo e il suo schermo. Video-interviste confessioni monologhi (2016).

ISBN 9788893141086

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook3