Filosofia dell'automatismo
Verso un'etica della corporeità

03/2018 — Igor Pelgreffi

€ 19,00   

 

Le nostre vite, singolari e collettive, sono attraversate da forme di automatismo che agiscono al di sotto della soglia cosciente e determinano parte dei nostri comportamenti: automatismi naturali, automatismi acquisiti (l’abitudine come seconda natura) ma anche automatismi sociali. Il presente studio interroga tale problema approfondendo la questione etica e politica della de-automatizzazione, attraverso un originale percorso di riflessione teorica sulle nozioni di automaton, abitudine, habitus e postulando la necessità di un “apprendimento critico” dei nostri automatismi. Lungo un asse che da Aristotele giunge a Merleau-Ponty, Bourdieu, Sennett e Bateson, il libro disegna i tratti preliminari di un’etica della corporeità: solo nelle resistenze del corpo, inteso come mediazione vivente tra ripetizione e variazione, tra passività e attività nell’azione, potrà aver luogo la de-automatizzazione, cioè quell’interruzione dall’interno dei nostri automatismi che è in grado di spiazzare il soggetto etico ma, al contempo, di ri-formarlo.

Igor Pelgreffi è professore a contratto in Etica e filosofia della persona presso l’Università di Verona e docente nella scuola secondaria superiore a Bologna. È membro del Centro di ricerca “Tiresia” e di “Officine Filosofiche”, e redattore delle riviste “Kaiak”, “Lo sguardo” e “Azimuth”. La sua ricerca verte sulle relazioni tra filosofia, scrittura e corpo, entro una ricognizione delle forme espressive del “filosofico” in epoca contemporanea. Tra i suoi libri: Slavoj Žižek (2014), Scrittura e filosofia (2014), La scrittura dell’autos (2015), Il filosofo e il suo schermo. Video-interviste confessioni monologhi (2016), Derrida chi? Un ritratto, tredici interviste (2017).

ISBN 9788893141383

Giacenza indicativa a magazzino Fastbook5